Scienze

Un nanetto nel computer

Un nuovo nanomateriale, con componenti dell'ordine del miliardesimo di metro, permetterà di miniaturizzare sempre di più i computer.

Un nanetto nel computer
Un nuovo nanomateriale, con componenti dell'ordine del miliardesimo di metro, permetterà di miniaturizzare sempre di più i computer.

Con l'arrivo di nuovi materiali, il microchip si trasformerà in nanochip. Ecco un'illustrazione digitale del nuovo materiale allo studio. Foto: © Geoffrey Ozin
Con l'arrivo di nuovi materiali, il microchip si trasformerà in nanochip. Ecco un'illustrazione digitale del nuovo materiale allo studio. Foto: © Geoffrey Ozin

Un nanomateriale, un solido poroso che ha proprietà isolanti molto migliori del silicio, potrebbe rivelarsi utile per salvare il futuro dei computer. L’industria informatica infatti ha raggiunto un limite che ne sta limitando l’evoluzione: più piccole, portatili e comode diventano le componenti, più lento e limitato diventa il computer, perché il silicio che isola i chip (i microcircuiti elettronici) perde la sua efficienza con la miniaturizzazione. Il nuovo materiale si chiama Pmo (organosilicato mesoporoso periodico).
Gnomi elettronici. Fa parte della categoria dei nanocomposti perché i pori hanno dimensioni paragonabili a nanometri (un miliardesimo di metro), disposti in una struttura a forma di favo d’ape. Per realizzarlo, sono stati combinati chimicamente silicio, un elemento inorganico, e metilene, elemento organico. È proprio la componente organica a permettere prestazioni diverse. Mentre quella inorganica offre la necessaria rigidità e facilità di manipolazione, è quella organica, che invece è modellabile, a garantire la stabilità della struttura. Inoltre, la gamma di composti organici che offre la natura è praticamente illimitata, dunque offre nuove e interessanti prospettive.

(Notizia aggiornata al 11 ottobre 2003)

9 ottobre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us