Un ciclone in una bolla di sapone

Studiare i più violenti fenomeni atmosferici utilizzando un semplice gioco da bambini: la sfida di un gruppo di fisici francesi.

Una minacciosa e imminente tempesta aliena? Fortunatamente no. Quella che vedete è la superficie iridescente di una bolla di sapone: la complessa struttura a vortice - che ricorda quelle dei cicloni, terrestri e non - è stata generata di proposito nel corso di un esperimento di Fisica all'Università di Bordeaux, Francia. Un gruppo di ricercatori ha riscaldato una serie di bolle di sapone dal basso, creando pattern rotanti come quello in questo video, realizzato con una fotocamera a 500 frame per secondo.

Controllando la temperatura e la rotazione delle bolle per simulare le diverse condizioni di formazione dei vortici gli scienziati hanno scoperto che, proprio come accade per le tempeste atmosferiche - cicloni tropicali, uragani, tifoni - anche i vortici sulle bolle di sapone subiscono un picco di intensità a metà della loro vita, prima di esaurirsi del tutto.

Studiando le dinamiche dei fluidi in rotazione sulle bolle i ricercatori hanno elaborato un modello teorico sul comportamento dei cicloni che ben si adatta a 150 cicloni realmente abbattutisi su Atlantico e Pacifico. La speranza è che in futuro, modelli come questo e come quelli elaborati in passato dallo stesso gruppo di ricerca possano servire sempre di più a formulare previsioni precise sul comportamento di questi fenomeni atmosferici.

Ti potrebbero interessare anche:

Le bolle di sapone ghiacciate per il freddo
Che differenza c'è tra ciclone, uragano e tornado?
Italia, la penisola dei tornado
La scienza dei tornado, domande e risposte
E se chiamassimo gli uragani come gli scettici del global warming?
30 Gennaio 2014 | Elisabetta Intini