Scienze

Ricordate la tragedia del sommergibile Titan? Forse scoperte le cause dell'implosione

Al sommergibile Titan, imploso nel 2023 durante un "giro turistico" nei pressi del relitto del Titanic, sarebbero state fatali criticità nello scafo in carbonio.

Il 18 giugno 2023 i cinque occupanti del sommergibile Titan hanno perso la vita a circa 3.800 metri di profondità sotto il livello del mare. Si erano inabissati al largo dell'isola di Terranova (Canada) per visitare il relitto del Titanic nell'ambito di un'escursione organizzata dalla società statunitense OceanGate, ma il mezzo su cui si trovavano implose condannandoli a una terribile fine. A meno di un anno di distanza dall'incidente, uno studio dell'Università di Houston si propone di fare piena luce sulle cause della tragedia.

La causa dell'incidente è imputabile alla "forma" del Titan?

Il team di studiosi dell'ateneo texano ha redatto un articolo dettagliato che si sofferma su alcuni aspetti morfologici dei piccoli sommergibili cilindrici, affermando che l'incidente potrebbe essere stato causato da minime imperfezioni geometriche nella struttura del natante. Sarebbe la prima volta che viene approfondito un elemento del genere, ossia la possibilità che una discontinuità nelle forme del sottomarino possa aver giocato un ruolo determinante all'aumentare della pressione esterna, trasformando il Titan in una gabbia dalla quale era impossibile scappare.

Analisi computerizzata. Attraverso l'impiego anche di simulazioni virtuali, gli studiosi hanno stimato la resistenza media all'instabilità del "guscio" del sommergibile, sottoposto a enormi pressioni.

Il ruolo dei danni allo scafo accumulati dal Titan nei viaggi precedenti

Per prima cosa, è stata rilevata la conformazione del natante, mentre la posizione e la forma di ogni impercettibile difetto strutturale sono state mappate in un modello tridimensionale. «Grazie a questo lavoro, le equazioni hanno dato risultati chiari sulla resistenza media all'instabilità delle strutture», spiega Roberto Ballarini del Dipartimento di ingegneria civile e dell'ambiente all'Università di Houston e co-autore dello studio. «L'integrità del Titan potrebbe essere stata compromessa dai danni al materiale utilizzato per lo scafo, accumulati durante i numerosi viaggi compiuti prima del collasso».

Lo scafo del Titan era in fibra di cabonio, sensibile alle micro-instabilità

Lo scafo del Titan era realizzato in fibra di carbonio, un materiale che è molto suscettibile alle micro-instabilità. Queste possono essere rappresentate da microscopiche crepe o da impercettibili bombature sulla carena sorte in fase di fabbricazione o venutesi a formare con l'utilizzo.

Carbonio "sfilacciato". Le grandi pressioni sottomarine sarebbero in grado di far staccare i filamenti del carbonio dalla matrice che li circonda innescando un effetto domino che si concluderebbe con un cedimento strutturale. «Se lo scafo del Titan avesse avuto danni del genere – conclude Ballarini – alle estreme compressioni sperimentate durante le ultime immersioni la sua rigidità e la sua resistenza sarebbero diminuite in modo significativo, portando all'esito catastrofico della missione».

15 maggio 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us