Scienze

Terapia genica: un'iniezione allunga la vita (forse e per ora solo nei topi!)

Alcuni ricercatori sarebbero riusciti ad allungare la vita di topi anziani grazie alla terapia genica: lo studio è interessante, ma suscita anche diversi dubbi.

Siamo alla costante ricerca di un elisir dell'eterna giovinezza, che ci permetta di vivere più a lungo in salute: dopo il Nobel del 2012 ai ricercatori Gurdon e Yamanaka per i loro studi sulla riprogrammazione cellulare, per anni si è investito su questa tecnica per cercare di ringiovanire le cellule delle cavie da laboratorio e allungarne la vita. Il tutto senza molto successo, almeno fino a oggi: Rejuvenate Bio, una piccola azienda di biotecnologia di San Diego (California), ha pubblicato uno studio (ancora non rivisto in peer review, ovvero non revisionato da altri scienziati e esperti) nel quale spiega di essere riuscita ad allungare la vita di alcuni topi già anziani attraverso la terapia genica.

I test. I ricercatori hanno iniettato nell'organismo dei ratti tre geni riprogrammanti che, entrando nelle cellule, le hanno ringiovanite: il trattamento, condotto su topi già anziani (di 124 settimane di età, pari a 77 anni umani), è riuscito a raddoppiare la loro aspettativa di vita residua, passata da nove a 18 settimane.

Terapia genica e riprogrammazione cellulare: di che parliamo?

La terapia genica è lo strumento che si utilizza per arrivare alla riprogrammazione cellulare: Shinya Yamanaka, premio Nobel per la Medicina nel 2012, ha dimostrato che, quando si aggiungono quattro particolari geni (Oct3/4, Sox2, Klf4 e c-Myc) a una cellula, questa viene riprogrammata e nel giro di qualche settimana ringiovanisce, trasformandosi in una cellula staminale pluripotente indotta, in grado di replicarsi in maniera continua e differenziarsi in uno o più tipi di cellule del corpo.

Ringiovanimento immediato. I topi hanno quindi vissuto circa il 7% in più del previsto – una quantità di tempo di per sé modesta. Tuttavia, rispetto ad altri metodi, la riprogrammazione ha effetto immediato e può servire per allungare la vita anche a chi è già molto anziano: al contrario, alcune sostanze testate negli anni come il Rapamycin riescono sì a prolungare la vita del 5-15%, ma devono essere assunte per quasi tutta la vita.

I rischi della riprogrammazione. Per quanto interessante, lo studio della Rejuvenate Bio va preso per quello che è, e cioè una sperimentazione su una tecnica ancora poco conosciuta che comporta grossi rischi: «È un bell'esercizio intellettuale, ma non mi sognerei mai di testare qualcosa di simile su una persona», afferma Vittorio Sebastiano, professore all'Università di Stanford. Uno dei rischi principali connessi al processo di riprogrammazione è quello di ammalarsi di cancro, cosa che accade spesso nei topi usati nelle sperimentazioni.

Le lacune della ricerca. Lo studio presenta inoltre alcune lacune, tra cui la mancata documentazione di come e quante cellule siano state modificate dal trattamento genetico: secondo Sebastiano, il prolungamento della vita dei topi potrebbe essere la conseguenza dei cambiamenti avvenuti in un singolo organo o gruppo di cellule, piuttosto che l'effetto di un ringiovanimento generale. Ma Noah Davidson, uno degli autori dello studio, si dichiara fiducioso: «Se non credessi che un giorno potremo ringiovanire gli umani non starei lavorando su questa tecnica», dichiara.

E chissà, la scoperta dell'elisir di lunga vita potrebbe essere più vicina di quanto pensiamo.

24 gennaio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us