Il "mistero" dell'iceberg tagliato a forma di rettangolo

La NASA ha reso pubblica l’immagine di un grande iceberg che, per la sua forma perfetta, sembrerebbe tagliato da una mano umana. Invece è stato plasmato dalla natura.

ice4
Un iceberg da poco staccatosi dalla calotta antartica. Sorprende la sua forma perfettamente rettangolare. Ma si tratta di un caso (abbastanza comune) di iceberg tabulare|Nasa

A guardarla in foto, con la sua forma che sembra perfettamente rettangolare, viene da chiedersi chi possa averlo tagliata in quel modo (e con quali strumenti affilatissimi!). E invece l'immensa isola di ghiaccio formatasi al largo dell'Antartide - e fotografata da alcuni ricercatori della Nasa durante la missione scientifica chiamata Operation IceBridge - si è formata in modo assolutamente naturale.  

 

Naturale! La sua particolare sagoma ovviamente desta meraviglia, a maggior ragione se la si confronta con quella dei molti altri blocchi di ghiaccio che sfoggiano le forme più diverse. Quando si pensa agli iceberg, infatti, l'immaginazione corre subito all'immagine di enormi guglie, cupole e antri di ghiaccio. Questi però sono solo una parte degli iceberg che si possono formare. Ne esistono infatti anche di un altro tipo (i "tabulari") che sono costituiti da enormi lastre di ghiaccio con pareti laterali quasi verticali e con la parte superiore quasi piatta.

Trump, presidenza Usa, riscaldamento globale, Melting Ice, Project Trumpmore
A proposito di iceberg dalla forma non proprio naturale... Questo, alto 35 metri e dal profilo piuttosto riconoscibile, potrebbe un giorno svettare sulle acque dell'Artico. Fa parte del progetto Trumpmore, di un gruppo ambientalista finlandese. | Project Trumpmore

«Per immaginare come si forma un corpo di ghiaccio di questo tipo», spiega Kelly Brunt della University of Maryland, «bisogna pensare a un'unghia che cresce nel tempo. Dopo un po' che non la tagliamo, finisce per spezzarsi in modo naturale e questo, molto spesso, avviene seguendo linee geometriche quasi perfette, lineari».

 

È così che nascono enormi isole di ghiaccio come quella che, nei primi anni 2000, si staccò dalla piattaforma antartica: quell'iceberg da record fu ribattezzato B-15 e aveva un’estensione paragonabile a tre volte la Valle d'Aosta. Ciò che agisce principalmente a far spezzare gli iceberg con queste forme è l'acqua che si insinua da sotto, nelle fratture presenti nei ghiacci. L'acqua erode il ghiaccio nel tempo finché non si forma una fessura che determina l’allontanamento del blocco di ghiaccio dal resto.

 

Ma è tutto rettangolare? Al momento la NASA non ha pubblicato informazioni sulle dimensioni del recente "rettangolo di ghiaccio", anche se, secondo Kelly Brunt, dovrebbe essere lungo almeno un paio di chilometri. Soprattutto non si hanno ancora immagini dell'iceberg nella sua interezza e dunque non è detto che sia davvero un rettangolo: la parte non inquadrata nella fotografia, infatti, potrebbe avere anche un profilo irregolare, facendo perdere all'iceberg gran parte dell'appeal che, in queste ore, gli vale l'attenzione di appassionati di scienza e di semplici curiosi...

 

22 Ottobre 2018 | Luigi Bignami