Scienze

T.25: nasce la citycar più piccola della Smart

Auto dai consumi e dalle dimensioni ridotte.

Gordon Murray, ex direttore tecnico della McLaren F1, ha finalmente mostrato al grande pubblico il volto della T.25, la piccola citycar piccolissima e dai consumi ridotti.

“È ancora più compatta della Smart Fortwo!”

Bella macchinina - La T.25 risponde alle esigenze delle auto da città del futuro: compatte, agili, e con emissioni ridotte e consumi contenuti. Il prototipo di Murray, infatti, è davvero “mini” - lungo 240 e largo 130 cm per 160 cm di altezza e 550 kg di peso - anche rispetto alla già lillipuziana Smart Fortwo. Per capirci meglio, ne parcheggi tre (di traverso) nello spazio destinato a una macchina tradizionale. La T.25, pensata per un uso cittadino, prevede un diametro di sterzata di soli sei metri e la carrozzeria prevede dei pannelli smontabili in modo da sostituirli con facilità in caso di piccoli urti.

Consumi ridotti - Il motore della T.25 è un benzina a tre cilindri di 660 cc da 51 CV e una coppia di 57 Nm, con cambio robotizzato a 5 rapporti, che si traducono in una velocità massima di 156 km/h e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 16,2 secondi. Non proprio una scheggia, insomma, ma i consumi dovrebbero essere molto ridotti: 3,83 litri per 100 km con emissioni di CO2 di appena 86 g/km.

Piccola F1 - I trascorsi in Formula Uno di Murray si fanno sentire però soprattutto nell'abitacolo dove il guidatore è posizione centrale come sulle monoposto. La Murray T.25 può ospitare fino a tre persone e, grazie a diverse disposizioni degli interni, può variare la capacità di carico da 160 a 720 litri.

Guarda le auto incredibili

4 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us