Scienze

Sulle armonie musicali, Pitagora (un po') si sbagliava

Pitagora ha dimostrato che l'armonia della musica si fonda sui numeri. Ma anche al di fuori della consonanza pitagorica possono nascere piacevoli armonie. 

Divenuto l'incubo di tutti gli studenti per il suo celebre teorema geometrico, il greco Pitagora è considerato ancora oggi una delle menti più brillanti e poliedriche di tutti i tempi. Fondatore nel VI secolo a.C. di una tra le prime scuole filosofiche dell'antichità, nel corso della sua vita si interessò alle materie più disparate, dalla matematica all'astronomia, fornendo le basi per la fondazione del pensiero occidentale. Dopo oltre 2.500 anni, oggi c'è però chi ha smentito (almeno in parte) l'insegnamento pitagorico che più di ogni altro ha influenzato le teorie musicali europee. 

Formula matematica. Stando al filosofo, la formula perfetta per produrre un'armonia musicale, ovvero un suono piacevole e non stonato composto da più note, deve rispettare la cosiddetta "consonanza", ossia una semplice relazione matematica tra le frequenze che lo compongono. Secondo tale meccanismo, esistono precisi rapporti in grado di produrre intervalli considerati consonanti: nell'ottava, per esempio, una delle due note presenti nell'accordo ha esattamente la metà o il doppio della frequenza dell'altra (rapporto 1:2), mentre nella quinta il rapporto tra le note è di 3:2. Gran parte della musica che conosciamo è stata costruita su questo semplice principio pitagorico, ma in realtà sembra che tali proporzioni non siano sempre valide, specie in culture che si avvalgono di strumenti musicali poco noti alla tradizione occidentale. 

Fuori dagli schemi. Nel loro studio, pubblicato su Nature Communications, un gruppo di ricercatori delle università di Cambridge, Princeton e dal Max Planck Institute for Empirical Aesthetics di Francoforte, ha scoperto che esisterebbero armonie diverse e altrettanto piacevoli anche al di fuori della consonanza pitagorica e che durante l'ascolto di una melodia, spesso il nostro orecchio si discosta dai rapporti matematici "classici". Per dimostrarlo, gli studiosi si sono avvalsi di una serie di prove comportamentali, coinvolgendo 4.000 persone provenienti dagli Stati Uniti e dalla Corea del Sud. In una di queste, ai partecipanti è stato chiesto di ascoltare alcuni accordi valutandone la gradevolezza, mentre in un altro le persone sono state invitate a utilizzare un cursore per regolare note particolari in modo da modificarle e renderle più piacevoli alle loro orecchie.

Armoniose imperfezioni. Analizzando i comportamenti degli ascoltatori, gli esperti hanno rilevato una preferenza significativa per le lievi imperfezioni, o "inarmonicità", che anzi sembravano rendere la musica ancora più godibile. Ulteriori esperimenti hanno inoltre esplorato la percezione dell'armonia con strumenti musicali diversi da quelli occidentali, come per esempio il bonang (diffuso in Indonesia e formato da un insieme di piccoli gong) o vari tipi di percussione, accorgendosi che erano in grado di creare modelli completamente nuovi di consonanza e dissonanza nei quali le tradizionali relazioni matematiche non erano più valide.

Più che sconfessare totalmente Pitagora, lo studio in questione potrebbe ampliare ulteriormente la nostra comprensione della musica, dando la possibilità a compositori e musicisti di sperimentare nuove combinazioni di strumenti e di suoni attingendo a un mix di culture diverse.

8 marzo 2024 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us