Focus

Spegni cellulare e tv un’ora prima di dormire

L’uso di telefonini, tv e computer provoca l'insonnia.

hitech_bedroom_202489
|

Guarda Il sexy bodypaint di Jessica Szohr che fa impazzire la rete

 

La dipendenza tecnologica cresce di anno in anno e può sfociare in una patologia ben conosciuta: l’insonnia. Che viene in parte causata dall’uso smodato di telefonini, tv e computer prima di mettersi a letto.

 

“Secondo le ultime indagini scientifiche la tecnologia è una delle cause dell’insonnia”

 

No hi-tech per dormire bene - Secondo quanto dichiarato in un lancio di agenzia della Reuters, in America prendono molto sul serio la questione insonnia: studiosi e ricercatori ritengono certo che a causare l’insonnia concorrano proficuamente tutti i dispositivi tecnologici di cui ci circondiamo. Il modo migliore per non riuscire a dormire è infatti: guardare la TV prima di andare a dorminre, controllare mail e messaggi fino a tarda notte, oppure giocare ai videogames fino alle prime luci dell’alba.

 

Non ci si riposa - Secondo i dati di un questionario della National Sleep Foundation americana, un’associazione che studia scientificamente il sonno degli americani, nel 95% delle risposte si individua un utilizzo delle tecnologie informatiche o di dispositivi di elettronica di consumo, nelle ore precedenti al sonno. E tali risposte sono presenti nei due terzi dei soggetti che dichiarano di non riuscire a dormire bene o a sufficienza, durante la notte.

 

Troppa luce, niente ormone - Charles Czeisler della Medical School di Harvard afferma che l’esposizione alla luce artificiale prodotta dai dispositivi elettronici accresce l’attenzione e può sopprimere il rilascio della melatonina, l’ormone che determina la predisposizione al sonno nell’essere umano. La troppa produttività e l’invasione della camera da letto della tecnologia, secondo Czeisler, sono le maggiori cause del fenomeno.

 

Vittime differenziate – Le vittime di questo fenomeno sono diverse: in primis i Baby boomers, le persone nate nel boom economico e che oggi hanno tra i 46 e i 64 anni, che sono i più assuefatti alla televisione prima di andare a letto, mentre i giovani sono più colpiti da insonnia per colpa dei videogames: un terzo dei giovani tra i 13 e i 18 anni e il 2(% dei giovani adulti, tra i 19 e i 29 anni. Inoltre il 60% dei soggetti ha dichiarato di utilizzare anche il Personal Computer, per motivi di lavoro, prima di mettersi a letto, almeno un paio di notti alla settimana. Gli appartenenti alla Generazione Z, i giovani tra i 13 i 18 anni, sono quelli che si descrivono come più assonnati durante il giorno: ben il 22% del campione ha dichiarato di sentirsi stanco la mattina dopo.

 

I segreti di Chatroulette. Guarda la gallery!

 

7 marzo 2011