Scienze

Sorpresa, i Neanderthal mangiavano pesce

Trovati resti di cibo di mare in una grotta abitata da Neanderthal 80-100.000 anni fa circa, in Portogallo: cade l'ipotesi che la dieta marinara fosse essenzialmente tipica dei Sapiens.

Gli uomini di Neanderthal mangiavano le cozze alla brace. E anche le vongole, i granchi, le orate, i cefali. In una grotta a sud di Lisbona, un gruppo internazionale di archeologi ha scoperto che la dieta dei nostri cugini preistorici non si basava solo sulla selvaggina cacciata sulla terraferma. Il menu, invece, comprendeva anche cibi di origine marina. La scoperta, pubblicata su Science, è rivoluzionaria: perché modifica l'immagine che avevamo di questi ominidi, ritenuti a torto meno intelligenti e più arretrati rispetto ai Sapiens.

Fino a oggi, infatti, i paleoantropologi erano convinti che la dieta a base di pesce - ricca di omega 3 e di altri acidi grassi che favoriscono un buon sviluppo del cervello - avesse permesso ai Sapiens di potenziare le proprie capacità cognitive, il linguaggio e il pensiero astratto, prevalendo così sull'Homo neanderthalensis. Invece, almeno dal punto di vista della dieta (e degli insediamenti sulle coste) i Neanderthal lottavano ad armi pari coi Sapiens.

La dieta dei Neanderthal includeva il pesce
L'ingresso della grotta di Figueira Brava (Portogallo), oggi a picco sul mare: circa 100mila anni fa distava un km dalla spiaggia ed era abitata da una comunità di uomini di Neanderthal. © Pedro Souto

La scoperta è frutto di 10 anni di lavoro da parte di un gruppo di archeologi di varie nazionalità guidato dal professor João Zilhão (Università di Barcellona, Spagna). E vede fra i partecipanti anche un italiano, il professor Diego Angelucci, archeologo dell'Università di Trento. «Per molto tempo», spiega Angelucci, «si è pensato che gli insediamenti costieri fossero un'esclusiva dell'Homo Sapiens, nell'Africa meridionale. E che solo i nostri diretti antenati si nutrissero di pesce.»

La dieta dei Neanderthal includeva il pesce
Alcuni dei resti di animali marini trovati dagli archeologi nella grotta di Figueira Brava: (A) patelle, (B) vongole, (C) granchio, (D) vertebra di delfino, (E) vertebra di squalo. © AC M. Nabais, D Antunes et al. 2000, EJP Ruas

Due convinzioni cancellate dalle campagne archeologiche svolte nella grotta di Figueira Brava, 30 km a sud di Lisbona: la grotta era frequentata da neandertaliani fra 106mila e 86mila anni fa, in un'epoca interglaciale con un clima temperato: la grotta, oggi a picco sul mare, distava all'epoca oltre 1 km dalla costa. Gli archeologi hanno trovato, sepolti dalle rocce, resti di pesci, molluschi e crostacei (con segni di cottura rilevati al microscopio), ossa di uccelli marini (germani reali, oche, cormorani) e di mammiferi acquatici (delfini e foche).

Come facevano gli ominidi a catturare queste prede? «Resta un mistero», risponde Angelucci: «forse usavano giavellotti con punta in selce scheggiata, ma è probabile che usassero strumenti in legno e fibre vegetali, che non sono sopravvissuti fino a noi. Va ricordato, comunque, che le coste portoghesi sono molto ricche di pesce grazie alla circolazione delle correnti dell'Atlantico e alla presenza di ampi estuari dei fiumi che vi sfociano: qui pescare è relativamente facile.

»

A conferma della loro ingegnosità, c'è un altro dettaglio: le pigne. I Neanderthal raccoglievano pigne mature dai rami più alti dei pini domestici, per conservarle nelle grotte. Quando avevano bisogno di cibo, le avvicinavano al fuoco per aprirle ed estrarne i pinoli. Un cibo che si aggiungeva a una dieta molto varia: nella grotta sono stati trovati resti di cervo, stambecco, cavallo e tartaruga terrestre. Dunque, gli ominidi erano onnivori e sapevano come cacciare anche gli animali terrestri. Resta da scoprire come combinassero questi ingredienti per le loro ricette preistoriche.

26 marzo 2020 Vito Tartamella
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us