Scienze

Sono più curiosi i bambini o le scimmie?

Alcuni bambini dai tre ai cinque anni sono stati messi a confronto con scimpanzé, gorilla, bonobo e oranghi adulti. Ed è risultato che i più curiosi sono...

Le scimmie sono curiose proverbialmente, ma mai quanto i bambini. Uno dei nostri parenti più stretti, l'orangutan, non mostra per esempio molta curiosità verso nuovi oggetti a meno che persone di sua fiducia non vi abbiano interagito. Ed è dibattuto se altri animali sono disposti, come facciamo noi, a sacrificare risorse (per esempio del cibo) per pura curiosità, senza ottenere altri benefici. Lo hanno scoperto alcuni ricercatori del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology e all'Università della California a San Diego, che hanno confrontato bambini dai tre ai cinque anni con scimpanzé, gorilla, bonobo e oranghi adulti. 

Vantaggio evolutivo. Per i due esperimenti, scimmie e bambini dovevano scegliere tra una ricompensa certa (adesivi per i bimbi e chicchi d'uva per le scimmie) che era stata collocata sotto una coppa trasparente, e un altro premio "misterioso" nascosto da una coppa opaca. L'85% e il 77% dei bambini ha optato almeno una volta per il contenuto invisibile, mentre appena il 24% delle scimmie è stato curioso di scoprirlo, propendendo per la coppa opaca soltanto dopo aver appreso che celava sempre un premio maggiore. Le scimmie, insomma, prediligono la sicurezza dell'ignoto piuttosto che l'esplorazione. E questa curiosità dell'uomo spiega, molto probabilmente, il nostro vantaggio evolutivo rispetto a loro.

Su Focus in edicola tante altre curiosità nello speciale Domande&Risposte.

Perché non ti abboni? 

26 ottobre 2023 Margherita Zannoni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us