Sismi senza tregua a Città di Castello

[caption id="attachment_2953" align="alignleft" width="300" caption="La serie di sismi a Città di Castello"][/caption]Continua l’incessante sequenza sismica...

La serie di sismi a Città di Castello

Continua l’incessante sequenza sismica in prossimità di Città di Castello, in Umbria, che è iniziata nella seconda parte del mese di marzo. Dopo fasi alterne, la sequenza era ripresa il 20 di aprile con un sisma di Magnitudo 3.6. Poi eccoci a questa settimana con una ripresa notevole al punto che durante la notte tra il 7 e l’8 maggio si sono verificate circa 70 scosse sismiche, che l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia le ha localizzate a circa quattro km ad est dell’abitato di Città di Castello. Tra queste tre hanno avuto magnitudo maggiore di 3.0 e sono state avvertite dalla popolazione. Ma anche durante tutta le giornata dell’8 maggio terremoti di intensità attorno a Magnitudo 2,5 hanno continuato a manifestarsi senza tregua. Nonostante l’insistenza dei sismi nessuno può dire quale sarà l’evolversi della situazione. Come si diceva in questo post, è noto che nel passato alcune scie sismiche precedettero sismi anche di Magnitudo 6, altre invece terminarono senza alcun acuto. Nessuno al momento possiede parametri tali da poter affermare che questa sequenza sismica potrà avere uno o l’altro sviluppo. In Italia 60 sismi al giorno Intanto l’INGV ha fatto sapere che durante il mese di aprile appena trascorso l’Italia è stata interessata da 1797 terremoti, che significa una media di 60 terremoti al giorno, quasi il doppio dello scorso mese di marzo, finora la più elevata in questo 2013. A portare un contributo notevole a questo elevato numero di terremoti è stata proprio l’evoluzione della sequenza nei pressi di Città di Castello, dove dal 20 al 30 aprile gli eventi registrati sono stati oltre 800.. Gran parte di questi 800 terremoti hanno avuto magnitudo molto basse e sono stati solo 3 gli eventi compresi tra magnitudo 3.0 e 3.6.
08 Maggio 2013 | Luigi Bignami