Scienze

Il più antico caso documentato di Sindrome di Down

La scoperta nel nord est del Paese transalpino, fissa una nuova data sulla esistenza comprovata di questa disfunzione genetica e su come fosse vissuta dai nostri antenati.

Il ritrovamento del cadavere di un bimbo affetto dalla Sindrome di Down nella necropoli di Chalon sur Saône, datata tra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, nel nord est della Francia, fissa una nuova data sulla esistenza comprovata di questa disfunzione genetica e (forse) su come fosse vissuta dai nostri antenati.

Conferme. La scoperta ha portato alla luce il più antico ritrovamento archeologico che conferma l'esistenza di tale sindrome fin dal principio del medioevo e, cosa forse più importante, secondo alcuni studiosi la postura in cui è stato sepolto il cadavere indica che all'epoca in Francia la malattia non veniva stigmatizzata in alcun modo.

Caratteristiche tipiche. Gli scavi effettuati nella necropoli medievale transalpino hanno permesso agli archeologi di esumare gli scheletri di 94 persone, tra i quali quello di un bambino con un teschio piccolo e largo e con le ossa della base del cranio sottili. Caratteristiche comuni ai soggetti affetti dalla Sindrome di Down, come ha confermato il professor Maité Rivollat dell'Università di Bordeaux.

Conclusioni. La posizione in cui fu seppellito, supino e con la testa rivolta nella stessa direzione degli altri corpi ritrovati nella necropoli, indurrebbero a pensare che il bambino soggetto alla sindrome sia stato trattato allo stesso modo degli altri corpi. Da qui l'idea che, anche in vita, venisse trattato senza alcuna discriminazione da parte della comunità di cui faceva parte.

C'è anche chi la pensa diversamente. Secondo John Starbuck dell'Indiana University di Indianapolis, infatti, è un po' azzardato giungere a conclusioni di questo tipo semplicemente analizzando i resti delle ossa e gli altri ritrovamenti relativi alla sepoltura.

11 luglio 2014 Giorgio Baratto
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us