Scienze

Il più antico caso documentato di Sindrome di Down

La scoperta nel nord est del Paese transalpino, fissa una nuova data sulla esistenza comprovata di questa disfunzione genetica e su come fosse vissuta dai nostri antenati.

Il ritrovamento del cadavere di un bimbo affetto dalla Sindrome di Down nella necropoli di Chalon sur Saône, datata tra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, nel nord est della Francia, fissa una nuova data sulla esistenza comprovata di questa disfunzione genetica e (forse) su come fosse vissuta dai nostri antenati.

Conferme. La scoperta ha portato alla luce il più antico ritrovamento archeologico che conferma l'esistenza di tale sindrome fin dal principio del medioevo e, cosa forse più importante, secondo alcuni studiosi la postura in cui è stato sepolto il cadavere indica che all'epoca in Francia la malattia non veniva stigmatizzata in alcun modo.

Caratteristiche tipiche. Gli scavi effettuati nella necropoli medievale transalpino hanno permesso agli archeologi di esumare gli scheletri di 94 persone, tra i quali quello di un bambino con un teschio piccolo e largo e con le ossa della base del cranio sottili. Caratteristiche comuni ai soggetti affetti dalla Sindrome di Down, come ha confermato il professor Maité Rivollat dell'Università di Bordeaux.

Conclusioni. La posizione in cui fu seppellito, supino e con la testa rivolta nella stessa direzione degli altri corpi ritrovati nella necropoli, indurrebbero a pensare che il bambino soggetto alla sindrome sia stato trattato allo stesso modo degli altri corpi. Da qui l'idea che, anche in vita, venisse trattato senza alcuna discriminazione da parte della comunità di cui faceva parte.

C'è anche chi la pensa diversamente. Secondo John Starbuck dell'Indiana University di Indianapolis, infatti, è un po' azzardato giungere a conclusioni di questo tipo semplicemente analizzando i resti delle ossa e gli altri ritrovamenti relativi alla sepoltura.

11 luglio 2014 Giorgio Baratto
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us