Scienze

Si sta formando un'eruzione da cataclisma

Sismologi della University of Utah, hanno scoperto, analizzando le onde sismiche che dalla superficie terrestre arrivano fino al nucleo terrestre e ritornano...

Sismologi della University of Utah, hanno scoperto, analizzando le onde sismiche che dalla superficie terrestre arrivano fino al nucleo terrestre e ritornano in superficie, le possibili radici di una nuova eruzione che potrebbe generare un vero e proprio cataclisma per l’intero pianeta. Ma diciamolo subito: non c’è d’aver paura. Se avverrà, accadrà tra 200 milioni di anni. “Ciò che abbiamo scoperto è la partenza di un gigantesco evento eruttivo che –se avverrà- potrebbe causare la distruzione di gran parte della superficie terrestre e avere conseguenze nefaste sulla vita del pianeta”, ha detto Michael Thorne, il responsabile della ricerca. “Ma il disastro non è imminente. Quello che abbiamo osservato là sotto richiedere tempi che vanno da 100 a 200 milioni di anni per poter raggiungere la superficie del pianeta”, ha proseguito. Secondo il ricercatore, che ha pubblicato la sua scoperta su Earth and Planetary Science Letters, due “pile” di rocce grandi come due continenti si stanno scontrando proprio sopra il nucleo terrestre a 2.880 km di profondità sotto l’Oceano Pacifico. Ciò sta creando un corpo magmatico grande come poco più della metà della superficie dell’Italia che potrebbe essere la radice di due generi di eruzioni particolarmente importanti nel lontano futuro. Potrebbe esserci una grande estinzione

La cartina mostra in rosso i due "continenti di rocce" che si trovano in prossimità del nucleo terrestre. Lo scontro causa una parziale fusione di essi (in rosso vivo) che nell'arco di decine di milioni di anni salirà in superficie
Da un lato potrebbe dare vita ad un super-vulcano come quello che negli ultimi due milioni di anni ha originato la caldera di Yellowstone, nel Wyoming, la quale, quando eruttò, ricoprì il Nord America di ceneri. Dall’altro potrebbe dare vita a delle gigantesche eruzioni di basalti come quelli che tra 17 e 15 milioni di anni fa hanno ricoperto il nordovest della Columbia (Usa) o come quelli che eruttarono 65 milioni di anni or sono in India che hanno ricoperto una regione grande come 5 volte l’Italia o altre eruzioni di tal genere. “Queste grandi eruzioni sono spesso legate ad importanti estinzioni”, ha sottolineato Thorne. Dagli inizi degli Anni Novanta i geologi sono a conoscenza di due grandi “corpi rocciosi” estremamente caldi che giacciono sopra il nucleo: uno si trova sotto l’Oceano Pacifico, l’altro sotto l’Africa. Ora Thorne, studiando con grande dettaglio quello che vi è sotto il Pacifico ha potuto osservare che in realtà là sotto vi è lo scontro di due grandi corpi magmatici e da tale scontro si sta formano una enorme quantità di magma.

Fatta una simulazione al computer, il ricercatore ha potuto capire che questo corpo magmatico salirà vero la superficie in tempi di decine di milioni di anni. Un gran numero di dati e potenti computer Per realizzare questa ricerca Thorne e la sua equipe hanno utilizzato il più grande numero di dati mai usati. In particolare ha esaminato 4.221 sismogrammi presi da centinaia di sismografi che hanno rilevato 51 terremoti che si sono verificati a profondità superiori a 100 km di profondità. Per ottenere il modello a cui è arrivato, Thorne ha fatto lavorare l’High Performance Computing della propria università per 200 giorni al fine di definire le modalità di scontro dei due corpi rocciosi che vi sono sotto il Pacifico e quali possono essere le conseguenze di ciò.

8 febbraio 2013 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us