Scienze

Sex tape: lo farebbero 6 donne su 10

Rivelazione shock da un sondaggio web.

Lo rivela una ricerca condotta da “Can Do Better”, un sito di dating americano. Ma solo se servisse per fare carriera: Kim Kardashian insegna…

“Il 64% delle donne intervistate girerebbe un filmino a luci rosse per fare carriera”

Arma sexy - È vero, le 2.800 allegre donzelle del sondaggio di “Can Do Better” non sono rappresentative dell'intera popolazione femminile, ma testimoniano che sono sicuramente interessate alla carriera… a volte costi quel che costi. Quindi ben venga anche un filmino sexy se serve per ottenere una spinta sul lavoro. Il 64% di quelle che “lo fanno meglio” lo ritiene un'arma valida.

I precedenti - La storia insegna: un filmato piccante pubblicato on-line può trasformare una semplice vip in una "star" planetaria. Dalla capostipite Pamela Andersson che nel lontano 1998 fu vista da milioni di persone in intimità con l'allora marito Tommy Lee, all'ereditiera Paris Hilton che al video hard deve la sua popolarità fuori dagli Usa. Più recenti sono le "imprese" di Kim Kardashian e Heidi Montag (ex-starletta del Grande Fratello Usa). Insomma, le celebrità fanno a gara per rinverdire l'interesse del pubblico con un bel sex tape!

Spregiudicate! - A quanto pare, però, un sexy tape, non è la sola freccia all'arco del gentil sesso che frequenta il sito di appuntamenti a stelle e strisce. Il 45% dichiara che andrebbe a letto con un professore per superare un esame all'università e che il 36% ricatterebbe pure un collega o il capo per fare carriera. Maschietto avvisato, mezzo salvato…

Sesso e hi-tech vanno a braccetto? La diffusione del 3d ha puntualmente visto nascere il primo film hard a tre dimensioni, ma c'è anche chi usa il potere della tecnologia e dei social network per far crescere una piantina, che riceverà acqua solo se, avrà tanti amici su Facebook.

30 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us