Scienze

Sensore anti-bomba batte il naso dei cani

Trova l'esplosivo meglio dei cani.

È un sensore realizzato con fili sottilissimi in grado di rilevare in pochi secondi tracce, anche impercettibili, di esplosivo in liquidi o aria. E ha un naso mille volte più sensibile della “tecnologia” che va attualmente per la maggiore: il cane!

“Il dispositivo israeliano rileva in pochi secondi la presenza di esplosivi TNT e plastico”

Cani in pensione? - È una vita rischiosa quella dei cani anti-esplosivo, però il loro fiuto eccezionale, grazie a uno speciale addestramento, è ancora il miglior metodo per scovare bombe e mine. L'addestramento è molto costoso e richiede tempo, senza contare che i nostri amici a quattro zampe sono sempre in pericolo di vita. Così l'Università di Tel Aviv, in Israele, sta sviluppando un rilevatore ultra sensibile che costa pochissimo e che può essere inserito in strumenti portatili poco più grandi di uno smartphone. Fernando Patolsky, un professore di chimica a capo del progetto, dice che si tratta ancora di un prototipo, ma nel prossimo futuro potrebbe essere piazzato negli aeroporti e in ogni angolo di un centro commerciale per rilevare in tempo reale la presenza di esplosivo.

Tracce impercettibili - I test del nuovo dispositivo israeliano, realizzato con fili elettronici sottilissimi, si sono rilevati molto promettenti. Il sensore è mille volte più sensibile rispetto a qualsiasi rivelatore esistente, per esempio il sistema realizzato da ICX Technologies che rivaleggia con il naso canino nell'individuare i vapori emessi dagli esplosivi. Il sensore dell'Università di Tel Aviv, infatti, in grado di “sniffare” esplosivi TNT e plastico RDX e PETN in concentrazioni bassissime in pochi secondi.

Guarda le invenzioni che cambieranno il mondo

22 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us