Scienze

Se un animale decide "di pancia", non sbaglia

Sopravvivere in situazioni difficili non richiede per forza un grande cervello: la fame è una molla altrettanto efficace, perché conserva la memoria di passati comportamenti virtuosi.

Mai sottovalutare uno stomaco che brontola: gli animali - esseri umani inclusi - sanno prendere decisioni sorprendentemente accurate, quando sono spinti dalla fame. Lo suggerisce uno studio dell'Università di Exeter (Inghilterra) secondo il quale la sopravvivenza in situazioni difficili e ricche di minacce non richiede, necessariamente, un grande lavoro di cervello: imparare ad ascoltare la propria fame, in certe situazioni, paga altrettanto efficacemente.

Un gruppo di etologi guidato da Andrew Higginson ha utilizzato modelli computerizzati per dimostrare che in condizioni di scarsità di cibo e abbondanza di predatori, gli animali (singoli individui) che basano le proprie decisioni soltanto sulle riserve energetiche rimaste nel corpo sopravvivono tanto quanto, o poco meno, di quelli che ricorrono a valutazioni più "ragionate" sul da farsi.

Lo stomaco ricorda. La fame agisce come una sorta di memoria del cibo disponibile in passato, e di come ce lo siamo procurato; rivela se abbiamo avuto successo e come dovremmo comportarci per garantirci di nuovo la sopravvivenza. Tutte queste informazioni sono processate in automatico, senza allocare risorse cognitive (molto dispendiose da un punto di vista energetico).

Un sistema più immediato. Questa forma di memoria di pancia avrebbe permesso a molti animali di sopravvivere senza sviluppare grandi quantità di tessuto cerebrale e spiegherebbe in parte perché quando siamo affamati ne risente anche l'umore: la "pancia" ci sta comunicando che non ci sono molte riserve di cibo a disposizione.

Fidarsi dell'istinto. La ricerca apre la strada al fatto che altri stati fisiologici, come alcune emozioni, possano conservare una sorta di memoria del passato. La paura, per esempio, genera uno stato di fisiologica allerta da cui è difficile riprendersi: poiché il pericolo potrebbe ripresentarsi, le emozioni mantengono il corpo teso in una condizione di attacco o fuga, per poter agire senza che sia necessario pensarci su.

27 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us