Scienze

Scoperto un sistema nervoso di centinaia di milioni di anni fa

Un animale simile a un crostaceo ha un sistema nervoso non molto differente da quello dei suoi discendenti attuali

Scoprire quale fosse la struttura del sistema nervoso di un antenato di insetti e crostacei potrebbe chiarire molto della loro evoluzione. Un fossile di circa 540 milioni di anni fa, trovato in Cina, è talmente perfetto che è possibile vedere quasi tutte le strutture della corda nervosa. L’animale, di nome Chengjiangocaris kunmingensis, ha un sistema nervoso posto in posizione ventrale (a differenza di quello di gruppi come il nostro, che l’ha dorsale): è formato da numerosi gangli, ognuno dei quali arriva fino a zampe che finiscono con due “punte”. Il fossile è conservato così bene che si possono vedere particolari molto fini, come le radici dei nervi che arrivano fino alla superficie del corpo.

Parentela. Non è possibile determinare quale fosse (e se ci fosse) anche un cervello che “comandava” questo complesso nervoso. L’altro aspetto importante nello studio di questo piccolo fossile è il fatto che la struttura della corda assomiglia a quella di specie odierne, come i priapulidi e gli onicofori. Sono animali dai nomi strani, specie poco conosciute che sono però cugini di insetti e crostacei, tra i gruppi animali più numerosi esistenti sulla Terra.

Semplificazione. Questi ultimi, a loro volta, hanno un sistema nervoso leggermente diverso da quello del loro lontanissimo antenato Chengjiangocaris. Hanno infatti perso alcune caratteristiche di quest’ultimo, dimostrando in tal modo che non sempre l’evoluzione porta a strutture più complesse. A volte, quando la selezione naturale lo “richiede”, è persino meglio perdere dei pezzi della propria anatomia.

Ti potrebbero interessare

7 marzo 2016 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us