Scienze

Gli scienziati maschi presentano le loro ricerche in termini più lusinghieri

La parità di genere passa anche dal linguaggio: quello scelto in ambito accademico è importante, per ottenere un maggior numero di citazioni.

Le donne sono sottorappresentate nel mondo scientifico, hanno carriere più in salita nell'ambiente accademico e - spesso - buste paga più leggere dei colleghi. Se ne parla distrattamente ogni anno in occasione della consegna dei Nobel, un riconoscimento che premia nella grande maggioranza dei casi professori maschi, bianchi e in età avanzata: il profilo-tipo dello scienziato influente.

Ora un articolo pubblicato sul British Medical Journal sottolinea un'altra componente meno conosciuta della disparità di genere nel mondo della ricerca: gli scienziati maschi sono statisticamente più inclini delle donne a tessere le lodi del proprio lavoro ed enfatizzarne l'importanza negli articoli scientifici. Non si tratta di una semplice questione di vanità: i paper presentati come più innovativi e rivoluzionari hanno anche maggiori probabilità di essere citati - e il numero di citazioni è una chiave di accesso fondamentale a finanziamenti e salti di carriera.

Lodi sperticate. I ricercatori delle Università di Harvard e di Yale (USA) e dell'Università di Mannheim, Germania, hanno analizzato il genere degli autori di oltre 6 milioni di studi di scienze biologiche pubblicati dal 2002 al 2017, prendendo in considerazione (nei casi di ricerche a più mani) gli autori a primo e ultimo nome, che spesso si dividono la maggior parte del lavoro. Quindi hanno analizzato l'uso di termini elogiativi riferiti agli studi, come "nuovo", "unico", "notevole" e "senza precedenti", nei titoli e negli abstract (i riassunti) che descrivevano le ricerche. Il termine positivo usato più spesso era "nuovo", e gli uomini l'hanno utilizzato il 59% di volte in più rispetto alle donne.

In generale, a parità di risultati e di argomenti di ricerca trattati, gli uomini hanno enfatizzato molto più spesso la portata innovativa del loro lavoro. Negli articoli scientifici più citati, i team al maschile ricorrono ad aggettivi che lodano le loro ricerche nel 21% in più dei casi. Chi opera nel mondo della ricerca usa titoli ed abstract per decidere quali lavori leggere o citare nei propri: non a caso, le presentazioni più positive erano associate al 9,4% in più di citazioni da parte dei colleghi e al 13% in più di citazioni su riviste cliniche ad alto impatto.

Basso profilo. Non è certo una colpa saper valorizzare il proprio lavoro, e sappiamo da tempo che - anche al di fuori dell'ambito accademico - gli uomini utilizzano un linguaggio più assertivo (teso all'affermazione di sé, che esprime chiaramente il proprio punto di vista) rispetto alle donne.

Piuttosto, ci sarebbe da chiedersi: le donne scelgono consapevolmente di mantenersi su termini "neutri" nel presentare la propria ricerca, censurando quelli troppo positivi per evitare critiche? Oppure sono spinte a farlo dai diversi standard imposti dai revisori e dai direttori delle riviste scientifiche sulle quali vogliono pubblicare? La ricerca non dà risposte su questo, ma una possibilità non esclude l'altra.

25 dicembre 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us