Scienze

Samsung vs Apple: il mio display è meglio del tuo

Guerra per il miglior display.

Secondo Steve Jobs il display dell'iPhone 4, con il suo concentrato di pixel, è il massimo, ma Samsung non è d'accordo e spiega perché gli Amoled sono ancora i “numeri uno”.

“La battaglia è Retina di iPhone, contro Amoled di Samsung”

Retina sfida Amoled - Steve Jobs, durante la presentazione dell'iPhone 4 ha elogiato a più riprese il suo Retina Display che garantisce una qualità dell'immagine senza precedenti. Infatti, la tecnologia sviluppata da Apple, aumenta la densità dei pixel sullo schermo del nuovo melafonino fino a ben 326 pixel per pollice (contro i “soli” 163 dell'iPhone 3GS) . Tieni conto che l'occhio umano, oltre i 300 pixel, non nota più la differenza tra i vari punti. Lo schermo dell'iPhone 4, quindi, spalma 614.400 pixel sulla sua intera superficie da 3.5? offrendo una risoluzione di 960×640 pixel - 4 volte superiore al suo predecessore - e un contrasto di 800:1.

Amoled ci sei?- Nessuno fino a oggi aveva mai messo in dubbio la superiorità degli schermi Amoled. Apple l'ha fatto, seppure indirettamente, elogiando il Retina Display dell'iPhone 4. Gli schermi Amoled (Active Matrix Organic Light Emitting Diode), per chi non lo sapesse, sono un'evoluzione degli Oled (Organic Light Emitting Diode) realizzati con del materiale organico elettro-fosforescente a matrice attiva che emette luce propria senza la necessità di componenti aggiuntivi. Sono molto sottili e garantiscono un contrasto elevato, colori super brillanti e tempi di risposta rapidissimi.

Amoled contrattacca - È Samsung a prendere le difese della tecnologia Amoled. Secondo il colosso coreano, è vero che il Retina Display dell'iPhone 4 offre una risoluzione leggermente superiore (in misura del 3/5 per cento in più) rispetto allo schermo Super Amoled del loro Galaxy S, ma consuma anche il 30 per cento di batteria in più che, su un cellulare, non è uno scherzo.

10 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us