Rocce marziane

pia16064-br2grotzinger-1-pia16156-br2pia16792_mastcam-veins_on_knorr-br2malin-4pia16187-br2pia16105u_malin04mainimage-br2Approfondimenti
pia16064-br2

Gli scienziati che studiano la geologia marziana (e terrestre) hanno scelto il cratere Gale come luogo dell'esplorazione di Curiosity per la sua conformazione geologica, ricca si differenti zone tutte accessibili dal rover. Scelta che si è rivelata azzeccata oltre ogni più rosea aspettativa.

grotzinger-1-pia16156-br2

Nei depositi analizzati finora dal rover, la ghiaia depositata va dalle dimensioni di granelli di sabbia a quelle di una pallina da golf. Alcune rocce sono molto spigolose, ma tante sono rotondeggianti.

Dalla forma si deduce che sono state trasportate e dalla dimensione che non potevano essere trasportate dal vento ma soltanto da un flusso d’acqua.” ha spiegato Rebecca Williams del Planetary Science Institute (PSI), membro del team di Curiosity.

Le scarpate alla base del monte Sharp continuano ad essere la destinazione principale per Curiosity. Lì sono stati rilevati dall’orbita diversi grandi depositi di argille e minerali ricchi di zolfo e questi potrebbero offrire la possibilità di trovare depositi di molecole organiche ben preservate, e questo è fondamentale per capire quali erano gli ingredienti a disposizione per una chimica prebiotica necessaria per la nascita della vita.

pia16792_mastcam-veins_on_knorr-br2

Curiosity ha trovato delle rocce striate con venature bianche e grigie. Queste venature rivelano che in passato su queste rocce l'acqua filtrava nelle fessure delle rocce. Una volta che l'acqua si è prosciugata ha lasciato il suo contenuto di minerali nelle fessure creando le venature di colore diverso.

malin-4pia16187-br2

I jet che hanno fatto levitare e appoggiare dolcemente il rover su Marte hanno scoperto queste rocce, chiamate Goulburn Scour. Sono il risultato di un conglomerato sabbioso che si è formato nel letto di un fiume milioni di anni fa.

pia16105u_malin04mainimage-br2

La base del monte Sharp, la destinazione finale di Curiosity

Gli scienziati che studiano la geologia marziana (e terrestre) hanno scelto il cratere Gale come luogo dell'esplorazione di Curiosity per la sua conformazione geologica, ricca si differenti zone tutte accessibili dal rover. Scelta che si è rivelata azzeccata oltre ogni più rosea aspettativa.
05 Agosto 2013