Scienze

I robot viventi che si riproducono da soli (per un po')

Questi robot si chiamano Xenobot: sono microscopiche sfere composte da poche migliaia di cellule di rana programmate per riprodursi identiche a se stesse.

L'idea di una nuova generazione di robot in grado di riprodursi autonomamente come organismi biologici è un po' inquietante e apre lo spiraglio a scenari da film di fantascienza. Eppure un team di scienziati composto da ricercatori della Tuft University, di Harvard e dell'Università del Vermont è recentemente riuscito in questa straordinaria impresa.

Cellule programmabili. Ma se già vi state immaginando un mondo di replicanti alla Blade Runner siete, per fortuna, fuori strada. I robot oggetto dello studio sono microscopiche sfere composte da poche migliaia di cellule di rana, che sono state "programmate" per riprodursi identiche a se stesse.

Le sfere assomigliano a minuscoli Pac-Man con la bocca aperta e sono formate da circa 4-6.000 cellule prelevate dalla pelle di un embrione di Xenopus laevis, una rana comunemente utilizzata negli studi di biologia. Grazie alla struttura ciliata, questi aggregati cellulari sono in grado di muoversi nel loro terreno di coltura, raccogliendo altre cellule che incontrano lungo il percorso e aggregandole in altre sferette a loro volta in grado di muoversi.

L'aiuto del computer. I ricercatori hanno utilizzato un sistema di intelligenza artificiale per simulare varie forme dell'aggregato iniziale, scoprendo che la conformazione a C era quella che garantiva la miglior capacità di replicarsi. Questi organismi non sono però in grado di riprodursi all'infinito: dopo quattro generazioni sembrano perdere la capacità di replicarsi.

A che cosa possono servire dei robot biologici con queste caratteristiche? Secondo i ricercatori, la loro applicazione più naturale sarà in ambito biomedicale: le biomacchine potranno infatti essere programmate per assemblarsi in tessuti con forma e struttura predefinite o potranno essere istruiti per portare farmaci in maniera estremamente mirata, a livello di singola cellula.

2 febbraio 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us