Scienze

Risolta la congettura matematica dell'ipotesi di Reimann. Anzi no

Secondo i media, un matematico nigeriano sarebbe riuscito a dimostrare uno dei più complicati rompicapi matematici. Ma le accuse di plagio fanno sfumare il premio di un milione di dollari previsto per chi lo avrebbe risolto per primo.

I giornali e le televisioni inglesi ne parlano da qualche giorno: il matematico nigeriano Opeyemi Enoch avrebbe risolto il più importante problema aperto della matematica, l'ipotesi di Riemann. Allegria, euforia, gioia. Peccato, però, che la notizia pare non essere vera. E le speranze di Enoch di aggiudicarsi il premio di un milione di dollari, previsto dal Clay Mathematics Institute (CMI) per chi avesse risolto il problema, sono andate in fumo.

Un annoso problema. L'ipotesi di Riemann è considerata dagli accademici di tutto il mondo il rompicapo più difficile da risolvere, tanto da essere stato incluso dal CMI tra i sette Millenium Problems, i problemi del millennio per la dimostrazione dei quali è in palio il premio milionario.

Si tratta di una congettura elaborata nel 1859 da Bernhard Riemann, matematico di Gottinga, che riguarda una funzione strettamente legata alla cadenza dei numeri primi. Trovare una soluzione all'ipotesi significherebbe definire una regola matematica capace di dimostrare l'esistenza (o meno) di un ritmo preciso nella distribuzione di questi particolari numeri.


Prova geniale o imbroglio? Il professore nigeriano ha pubblicato su academia.edu un paper con la soluzione all'ipotesi di Riemann, attirando l'attenzione dei media, ma non l'approvazione del CMI. L'istituto infatti ha respinto la prova di Enoch, che a un esame più accurato parrebbe essere frutto di un plagio di un articolo già presente in Rete firmato da un certo Werner Raab.


Diversi tentativi, nessuna soluzione. Enoch non è stato l'unico a tentare l'impossibile: nel corso di 156 anni diversi matematici si sono cimentati senza successo nel risolvere l'ipotesi di Riemann. Il tentativo più famoso fu quello di Louis de Branges de Bourcia nel 1992, che venne però dichiarato errato. Mentre i matematici continuano ad arrovellarsi, intanto sul sito del CMI il problema è indicato come tuttora irrisolto.

18 novembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us