Scienze

Ripulire lo Spazio vale un “pallone d’oro”

Smaltimento rifiuti spaziali con GOLD.

I detriti che scorrazzano senza controllo nell’orbita terrestre sono un pericolo costante per i satelliti e per le missioni spaziali con astronauti. Si chiama proprio GOLD (Gossamer Orbit Lowering Device), “oro” in italiano, la soluzione semplice ed efficiente escogitata da una ricercatrice americana.

“Il pallone GOLD contribuisce al naturale smaltimento dei rifiuti spaziali”

Mine vaganti – La ricercatrice Kristin L. Gates ha presentato GOLD in occasione della recente conferenza Astrodynamics Specialists tenutasi a Toronto in Canada. GOLD è un enorme pallone realizzato in materiale sottilissimo, come le vele solari, che ha lo scopo di rimuovere in maniera sicura i detriti spaziali pericolosi che orbitano intorno alla Terra a bassa quota a un’altitudine compresa tra i 750 e i 900 km.

Fuori dall’orbita – Il pallone d’oro, delle dimensioni di una valigia, una volta nell’atmosfera viene gonfiato con del gas e agganciato al relitto spaziale in modo da accelerare la sua uscita dall’orbita terrestre. Così il “rifiuto” spaziale, attirato sempre più verso la Terra dalla forza di gravità, prenderebbe fuoco disintegrandosi grazie all’aria più densa presente nell’atmosfera. Una seconda applicazione di GOLD riguarda invece il suo utilizzo su satelliti e razzi ancora da spedire nello Spazio che, una volta da rottamare, sfrutterebbero il pallone per rientrare sulla Terra nel giro di qualche mese invece di continuare a vagare nello Spazio per centinaia di anni.

Solar Impulse. Guarda la gallery!

4 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us