Scienze

La scienza fa ricrescere gli arti amputati (ma per ora solo alle rane)

Con un trattamento a base di cinque farmaci, le zampe rigenerate di alcune rane funzionano (quasi) perfettamente. Ora si proverà con i mammiferi?

Immaginate di poter far ricrescere un arto amputato in appena 18 mesi: sembra fantascienza, ma è l'incredibile obiettivo raggiunto da un team composto da scienziati della Tufts University e del Wyss Institute di Harvard che, utilizzando un cappuccio di silicone contenente un cocktail di farmaci, è riuscito a far ricrescere arti funzionanti a rane a cui erano stati amputati. I risultati dello studio sono pubblicati su Science Advances.

Rigenerazioni in natura. In natura esistono diversi animali capaci di rigenerare parti del corpo, come le salamandre (che riescono addirittura a rigenerare organi vitali come cuore e cervello), le lucertole (alle quali ricresce la coda) o i vermi piatti, che possono persino formare nuovi organismi a partire da pezzi di se stessi.

Anche noi umani abbiamo la capacità di ripararci (anche se non così bene come i vermi piatti): il nostro fegato, ad esempio, sa riformarsi totalmente anche dopo aver perso il 50% del proprio volume. Tuttavia, quando perdiamo degli arti a causa di un incidente o una malattia (come il diabete), non possiamo rigenerarli.

Cocktail magico. Qui arriva in aiuto la (fanta)scienza: i ricercatori statunitensi sono riusciti a far ricrescere gli arti persi a rane endemiche dell'Africa australe, le platanne (Xenopus laevis). Per farlo hanno coperto per 24 ore la ferita con un tappo in silicone contenente un idrogel arricchito con cinque farmaci, ognuno con una funzione diversa - ridurre l'infiammazione, inibire la produzione di collagene per evitare la cicatrizzazione dei tessuti e favorire la crescita di nuove fibre, vasi sanguigni e muscoli.

Zampe (quasi) perfette. Nella maggior parte dei casi la zampa amputata è ricresciuta in 18 mesi ricreando un arto funzionante quasi quanto quello naturale. Oltre a tessuti, muscoli e nervi, sono ricresciute anche le ossa, ma solo fino a parte degli stinchi. «I piedi e le dita non hanno ossa, e quindi sono flaccidi», spiega Mike Silver (Tufts University) a Focus.it: «la zampa in sé ha però una rigidità interna data dalla struttura ossea, e la rana può quindi contare sulla forza muscolare per nuotare o reagire agli stimoli.»

Niente cicatrici. La maggior parte degli animali capaci di rigenerare parti del corpo vivono in ambienti acquatici, ed è per questo che i ricercatori hanno pensato di simulare un ambiente umido nel loro esperimento: «Coprire la ferita con un cappuccio pieno di idrogel aiuta a simulare un ambiente acquatico, che, insieme ai giusti farmaci, favorisce il processo di ricostruzione prevenendo la formazione di cicatrici», spiega David Kaplan, uno dei ricercatori.

Il prossimo passo è testare questo trattamento sui mammiferi...

13 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us