Scienze

Ricerca shock: se ti siedi, muori

Il lavoro sedentario accorcia la vita.

Pensi che facendo esercizio fisico e mangiando sano vivi più a lungo? E invece no! Stando ai risultati di una ricerca americana il segreto di una vita da centenari è stare seduti il meno possibile…

“Chi lavora in ufficio, secondo lo studio americano, è praticamente spacciato”

Sforzi inutili - Il Chicago Tribune riporta una notizia che sconvolge tutto quello in cui credevamo fino a ieri. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell'American Cancer Society di Atlanta le persone che stanno sedute più di sei ore al giorno abbassano drasticamente le loro prospettive di vita. Sì, proprio così. Non importa se ti dai da fare in palestra, vai a correre regolarmente o ti spari 60 vasche in piscina, e neanche se non fumi e fai sacrifici a tavola per tenere il tuo peso sotto controllo: è tutto inutile se passi la maggior parte del tuo tempo sulla sedia. In pratica, chi lavora in un ufficio è spacciato…

Tutti in piedi! - I ricercatori di Boston sono arrivati a questa conclusione dopo aver seguito da vicino 53.000 uomini e 70.000 e chiedendo loro di compilare dei questionari sulla loro attività fisica. Anche dopo essere dimagriti e aver smesso di fumare, le donne che se ne stavano sedute per più di sei ore al giorno avevano il 37% di possibilità di morire prima di quelle che riposavano il sedere solo 3 ore. Più fortunati gli uomini che erano rischio solo nel 17% dei casi a parità di ore sulla sedia.

Che fare? - È piuttosto ovvio: stare seduti il meno possibile. I ricercatori suggeriscono di farsi qualche giretto per l'ufficio appena possibile, alzarsi ogni ora per fare un po' di stretching e per lo meno fare qualche esercizio sulla sedia mentre si lavora. Se non ti ricordi da solo di alzare il sedere dalla sedia, i ricercatori ti consigliano di impostare un allarme sul cellulare.

Consolati con i luoghi più belli della Terra

27 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us