Scienze

Quei “geni” degli indiani: il record di diversità genetiche lo detiene l’India

Ricostruita la storia evolutiva della popolazione dell'India, dalla provenienza dei suoi antenati agricoltori e pastori ai legami genetici con l'uomo di Neanderthal.

Con 1 miliardo e 430 mila abitanti, l'India ha superato la Cina. E detiene anche il record di diversità genetica al suo interno. L'India è considerata un tesoro per i genetisti e i biologi evoluzionisti perché composta da più di 4.500 popolazioni antropologicamente ben definite (caste, tribù e gruppi religiosi). Queste popolazioni cambiano per cultura, lingua, per posizione geografica e climatica, fattori che assieme a diversi gradi di endogamia (l'usanza di sposarsi all'interno dello stesso gruppo sociale) si riflettono in diverse architetture genetiche.

Lo studio. Una nuova ricerca sui genomi di 2.762 individui rappresentativi dei principali gruppi tribali e di casta, delle varie lingue e aree geografiche, pubblicata su bioRxiv ha permesso di ricostruire la storia evolutiva della popolazione indiana.

I grandi protagonisti. Si è visto che la maggior parte degli indiani derivano da tre gruppi ancestrali: il primo legato agli antichi agricoltori iraniani, il secondo ai pastori della steppa eurasiatica e il terzo ai cacciatori raccoglitori dell'Asia meridionale. La componente indiana derivata dagli antichi agricoltori dell'Iran, può a sua volta essere fatta risalire a un gruppo di agricoltori neolitici di Sarazm, nell'odierno Tagikistan. Successivamente, a partite da circa 5mila anni fa, in modo analogo a quello che accadde in Europa, ci furono, in corrispondenza della domesticazione del cavallo, gli spostamenti dalle steppe euroasiatiche di pastori (seconda componente genetica indiana) che si sovrapposero agli agricoltori. Il flusso più cospicuo dalle steppe sarebbe avvenuto circa 3.000 anni fa con la cosiddetta cultura pastorale Yamnaya.

Barriere economiche e culturali. I pastori rappresentavano un tipo di società patriarcale che secondo gli storici sarebbe all'origine anche delle caste. Da allora l'India ebbe un grande cambiamento demografico verso l'endogamia, a causa di barriere tribali e delle caste, con conseguente ampia omozigosi (dovuta alla consanguineità) assieme alla trasmissione delle diverse identità culturali "chiuse" per discendenza.

Loro e i Neanderthal. A scale temporali molto più antiche, gli indiani devono circa l'1-2% dei loro geni ai Neanderthaliani e ai Denisoviani, i parenti estinti più stretti dell'uomo moderno. Gli indiani hanno sorprendentemente la più grande variazione di ascendenza genetica di Neanderthal, così come la più alta quantità di segmenti di Neanderthal specifici, fra la popolazione mondiale. In altre parole, quasi il 90% di tutti i geni di Neanderthal conosciuti, trovati negli esseri umani al di fuori dell'Africa, sono stati rilevati nei genomi indiani studiati.

Nuovi scenari. Questo pone interessanti interrogativi.

Per esempio, i ricercatori si domandano se i Neanderthal arrivavano fino all'Asia meridionale, o se gli esseri umani moderni, poi finiti in India, incontrarono i Neanderthal più a est in Eurasia di quanto si creda in base ai ritrovamenti archeologici finora avvenuti. E poi i loro geni, frutto di incroci, furono portati con loro in India. Infine, lo studio afferma che la maggior parte della variazione genetica negli indiani deriva da una singola grande migrazione di Homo sapiens fuori dall'Africa avvenuta circa 50mila anni fa, con un contributo minimo dalle precedenti ondate migratorie dei sapiens che, evitando l'Europa, si erano spinti nel vicino Oriente.

13 aprile 2024 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us