Scienze

Quando la Terra diventò ospitale

2,4 miliardi di anni fa l'atmosfera del pianeta cambiò e divenne possibile lo sviluppo di vita multicellulare.

Più di 2,4 miliardi di anni fa la Terra era un pianeta decisamente inospitale: l'atmosfera ricca di gas tossici, e le temperature che fluttuavano selvaggiamente da valori elevati a molto bassi, non incoraggiavano lo sviluppo della vita così come la conosciamo. Com'è avvenuto che quel mondo infernale si sia trasformato in quello che conosciamo oggi?

Una ricerca condotta da alcuni prestigiosi istituti di ricerca, pubblicata l'8 marzo scorso su PNAS, suggerisce che attorno a quel periodo ci fu un intervallo di circa un milione di anni durante il quale l'atmosfera si arricchì di una elevata quantità di metano.

Batteri metanogeni.

Il metano implicò una forte riduzione dell'idrogeno in atmosfera perché in buona parte andò appunto a formare la molecola del gas, la cui formula chimica è CH4 (quattro atomi di idrogeno legati a un atomo di carbonio), e in parte trovò per lo stesso motivo le condizioni ideali per sfuggire alla Terra: lungo questa catena di eventi aumentò anche la percentuale di ossigeno nella composizione dell'aria. Fu in quel momento che iniziò una profonda trasformazione dell'atmosfera e del clima, che divennero molto simili a ciò che conosciamo oggi.

L'odierna atmosfera di Titano, luna di Saturno, è ricca di metano.

Al di là dei tecnicismi, la ricerca sembra offrire una nuova chiave di lettura di quel periodo detto evento della grande ossidazione, avvenuto circa 2,4 miliardi di anni fa, quando la concentrazione di ossigeno in atmosfera aumentò di 10.000 volte.

«La trasformazione dell'aria della Terra da un mix tossico a una condizione più accogliente per la vita, avvenne in tempi relativamente rapidi, ossia in ciò che chiamiamo un istante geologico», afferma James Farquhar, uno dei firmatari dello studio.

Le conclusioni sono state elaborate a partire dai complessi modelli atmosferici che hanno permesso di simulare la chimica dell'atmosfera nel periodo precedente alla grande ossidazione. I modelli suggeriscono che in quel periodo la Terra era ricca di di batteri che producevano metano, che andò a l'atmosfera creando un ambiente probabilmente molto simile a quello odierno su Titano, una luna di Saturno. La riduzione dell'idrogeno in atmosfera permise dunque non solo l'aumento dell’ossigeno, ma anche lo sviluppo della vita multicellulare.

16 marzo 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us