Quando il morto indica l'assassino

Controllare la vita delle colonie di insetti in un corpo in decomposizione: può portare gli investigatori all'assassino...

200446121545_5
|

Quando il morto indica l'assassino
Controllare la vita delle colonie di insetti in un corpo in decomposizione: può portare gli investigatori all'assassino...

 

Elizabeth Devine, la sceneggiatrice della celebre serie televisiva di successo C.S.I.: Crime Scene Investigation, spiega a due attori alcune tecniche della polizia scientifica della quale faceva parte in passato.
Elizabeth Devine, la sceneggiatrice della celebre serie televisiva di successo C.S.I.: Crime Scene Investigation, spiega a due attori alcune tecniche della polizia scientifica della quale faceva parte in passato.

 

Un corpo senza vita ritrovato nella boscaglia e nessuna traccia nei dintorni. Sembrano gli ingredienti di un thriller, ma sono spesso le condizioni in cui si trova a lavorare la polizia scientifica che deve risolvere un caso di omicidio. Riuscire a risalire alla data del crimine è uno degli elementi chiave per mettersi sulla giusta pista. Negli ultimi anni si sono fatti passi da gigante e, in questo senso, il lavoro sperimentale di Melanine Archer presso il Victorian Institute of Forensic Medicine di Melborune (Australia) dà alcune indicazioni fondamentali.
La ricercatrice ha esposto all'aria aperta cinque cadaveri di maiali e li ha osservati per due anni: lo scopo in particolare era quello di monitorarne le variazioni e censire gli insetti che si sarebbero insediati nei corpi in via di decomposizione. Oltre all'osservazione delle condizioni del cadavere, l'analisi degli insetti è infatti uno dei modi più diffusi per stabilire la data di morte.
Le stagioni degli insetti. Le novità in seguito allo studio della Archer? Seguendo i cadaveri per ben due anni (e, quindi, otto stagioni) si è visto come le larve dei mosconi scompaiano dopo nove settimane nel primo inverno, dopo appena quattro nel secondo. Una particolare specie di scarafaggio (Creophilus erythrocephalus) compare dopo quattro settimane nel primo inverno, dopo due nel secondo.
I nuovi studi hanno tenuto in considerazione proprio il mutare delle stagioni e delle temperature, oltre che la quantità di insetti ritrovati nei corpi. L'entomologo legale Lee Goff della Chaminade University di Honolulu (Hawaii) mette però in guardia la comunità giuridica che vorrebbe risposte sempre più precise dai laboratori scientifici: non si deve dimenticare che ci si trova pur sempre nell'ambito di valutazioni spesso opinabili.

(Notizia aggiornata al 6 aprile 2004)

 

6 aprile 2004