Scienze

Quando il casco puzza è ora di cambiarlo!

Il casco puzza? Cambialo è per la tua sicurezza.

Una nuova applicazione promette di cambiare radicalmente il nostro modo di utilizzare le materie plastiche, grazie alle nanotecnologie. Quando, per esempio, il casco per andare in bicicletta è troppo vecchio, comincia a puzzare, così capiamo che è ora di cambiarlo per la nostra sicurezza.

“Un’applicazione della nanotecnologia che utilizza le informazioni olfattive per farci viaggiare in sicurezza”

Nanotecnologie per l’olfatto – L’invenzione viene dal famoso Fraunhofer Institute for Mechanics of Materials in Germania: per sapere quando è il momento di cambiare il casco, basta annusarlo. In pratica le materie plastiche di cui è composto l’elmetto sono irrorate di uno speciale olio odorifero. Il liquido è contenuto in speciali microcapsule, che vengono mescolate al polypropoline liquido e il composto ottenuto viene iniettato nella macchina che stampa i caschi. Quando il casco si rompe, si rovina o diventa troppo vecchio, le microcapsule si rompono e il casco comincia a emettere un odore.

Si sente che è da cambiare - I ricercatori del Fraunhofer Institute hanno svolto delle simluazioni al computer, utlizzando complessi modelli matematici per scoprire l’esatto numero di capsule necessarie alla funzione. Questo riconoscimento olfattivo può essere un’ottima strada da percorrere per segnalazioni di sicurezza. Le informazioni olfattive potrebbero in futuro essere utilizzate per segnalare che è giunto il momento di cambiare alcui apparati in materie plastiche. Oltre ai caschi e alle protezioni, anche per esempio le pompe e le guarnizioni per il gas e la benzina.

8 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us