Scienze

Pochi spiccioli per l'Aids

La lotta all'Aids diventa ancora più difficile e sarà necessario scegliere se intervenire dove il male c'è già, o dove invece sta per svilupparsi a ritmi sempre più alti.

Pochi spiccioli per l'Aids
La lotta all'Aids diventa ancora più difficile e sarà necessario scegliere se intervenire dove il male c'è già, o dove invece sta per svilupparsi a ritmi sempre più alti.

Il virus dell'Aids.
Il virus dell'Aids.

Uno studio pubblicato sulla rivista Lancet l'estate scorsa, sosteneva che due terzi delle nuove infezioni di Aids previste da qui al 2010 potrebbero essere evitate se fosse messa in atto una immediata e intensa campagna di prevenzione. C'è però un problema e riguarda le strategie che mirano a stroncare la malattia. Finora infatti il continente più colpito era l'Africa, dove in alcuni paesi l'Aids ha colpito un quarto della popolazione. Secondo le ultime stime presentate da Unaids, l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di questa malattia, l'attenzione però dovrebbe spostarsi verso India, Cina e Russia, dove l'epidemia si diffonderà molto più rapidamente. In Cina per esempio nei primi mesi del 2001 i casi hanno subito un incremento del 67%. In questi Paesi, tra i più popolosi del mondo, l'Aids rischia di manifestarsi in maniera devastante, non solo perché arriverà a colpire oltre 100 milioni di persone, ma anche perché si valuta che potrà colpire anche l'economia, rallentando lo sviluppo di queste aree.
Scelta difficile. Le risorse finanziarie disponibili per gli interventi sono però limitate. Attualmente l'organismo che si deve occupare degli interventi è il Global fund to fight Aids, tubercolosis and malaria, nato nel gennaio 2002, e il cui compito è la lotta contro le tre malattie più diffuse nei Paesi poveri. Il Fondo, voluto dall'Onu ma frutto di una collaborazione pubblico-privato che vede tra i suoi principali finanziatori la Fondazione Bill e Melinda Gates e l'italiana Eni , conta su una garanzia di 2 miliardi di dollari. Le previsioni di spesa per interventi di una certa efficacia, hanno però già superato la cifra stanziata, portandola a 4,6 miliardi di dollari. Potrebbe dunque trovarsi di fronte a una difficile scelta: intervenire per limitare la diffusione nelle regioni già gravemente colpite, o frenare l'epidemia nei Paesi in cui è ancora nelle fasi iniziali.

(Notizia ggiornata al 24 ottobre 2002)

23 ottobre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us