Scienze

Davvero stannno aumentando le probabilità di un'eruzione dei Campi Flegrei?

Il supervulcano dei Campi Flegrei sembra ora più propenso a fenomeni di rottura delle sue rocce: ciò potrebbe favorire eruzioni, ma non è inevitabile.

L'attività sismica registrata in queste ultime ore nell'area dei Campi Flegrei riporta d'attualità l'ipotesi di un'eruzione di questo antico supervulcano situato nel golfo di Pozzuoli. Ma cosa ne pensano gli esperti?

Uno degli studi più recenti condotti su quest'area vulcanica della Campania dall'University College London e dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha usato un modello sulla fisica della frattura delle rocce per interpretare i recenti terremoti e il sollevamento del suolo dei Campi Flegrei. La conclusione è che parte delle rocce dei Campi Flegrei hanno raggiunto una deformazione tale da essere più vicine alla rottura. 

La tesi degli scienziati, argomentata su Communications Earth & Environment, è che l'accumulo di deformazione in alcune parti del vulcano ha reso le rocce più fragili (cioè meno elastiche) e più inclini a rompersi.

Questa situazione potrebbe portare alla formazione di fratture che dalla zona profonda della caldera arrivano in superficie, e creare quindi condizioni più favorevoli a un'eruzione. È la prima volta che questo tipo di modello viene applicato su un vulcano in tempo reale.

Campi Flegrei: rendering in 3D dell'area a partire da immagini satellitari fornite dalla NASA. © Shutterstock

Un vulcano... orizzontale. L'area indicata come Campi Flegrei è una depressione di circa 12 km di diametro punteggiata di crateri vulcanici che si estende dalla collina di Posillipo a Monte di Procida, con un bordo sommerso nel golfo di Pozzuoli. È quella che si definisce una caldera, una conca formata da due grandi collassi dei serbatoi di magma avvenuti 39.000 e 15.000 anni fa, nelle due più imponenti eruzioni del vulcano.

Anche se attualmente non c'è attività eruttiva, i Campi Flegrei registrano però una continua attività vulcanica di fondo con frequenti terremoti di lieve entità provocati dalla deformazione del suolo. L'area è attentamente monitorata anche perché abitata da 360.000 persone.

Eruzione: possibile ma non scontata. «La prima volta che abbiamo usato questo modello è stata nel 2017 e da allora i Campi Flegrei si sono comportati come previsto, con un numero crescente di piccoli sismi a indicare la pressione sottostante» spiega Christopher Kilburn, primo autore. «Il nostro nuovo studio conferma che i Campi Flegrei si avvicinano alla rottura. Tuttavia, ciò non significa che un'eruzione sia garantita. La rottura potrebbe aprire una frattura nella crosta, ma affinché avvenga un'eruzione, il magma ha bisogno di spingere nel punto giusto». Ora, spiegano gli scienziati, si tratterà di stimare le probabilità che il magma o il gas trovino nuove vie da percorrere per risalire la superficie.

Un elastico tirato al limite. Negli ultimi 10 anni il suolo del vulcano in corrispondenza di Pozzuoli si è sollevato di circa 10 cm all'anno, e per la prima volta dalla metà degli anni '80 si sono verificati persistenti microterremoti (più di 600 dei quali soltanto nell'aprile 2023). Secondo gli esperti all'origine ci sarebbe il movimento di fluidi (magma ma anche gas vulcanico) a circa 3 km nel sottosuolo, che si insinuano nelle fratture della roccia e riempiono la crosta come una spugna, deformandola.

La frequenza e la tipologia di sismi suggerisce che la roccia stia rispondendo in modo non elastico, rompendosi anziché piegandosi. Per i ricercatori, il massimo stress che le rocce dei Campi Flegrei possono sopportare prima di rompersi è oggi circa un terzo rispetto a quello del 1984.

Il precedente del vulcano "simile" ai Campi Flegrei

Secondo gli scienziati un'eventuale eruzione potrebbe essere preceduta da segnali di maggiore quiete, come una minore intensità di terremoti e un minore sollevamento della crosta. Lo stesso è accaduto nel 1994 al vulcano Rabaul della Nuova Guinea, molto simile come conformazione ai Campi Flegrei.

Ma questa temuta eruzione potrebbe anche non avvenire, come precisa Stefano Carlino dell'Osservatorio Vesuviano (INGV): «I Campi Flegrei potrebbero assettarsi su una nuova routine di graduale sollevamento e subsidenza, come per altri vulcani simili nel mondo, o semplicemente tornare in quiescenza. Non possiamo ancora essere certi di cosa accadrà. L'importante è essere preparati ad ogni evenienza».

12 marzo 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us