Scienze

Piante primitive sopravvivono nello Spazio

Alghe all'esterno della Iss: sopportano il vuoto, temperature estreme e radiazioni. E riportate sulla Terra, tornano a prosperare.

In principio furono batteri, licheni e tardigradi: ora ci sono anche piante che hanno dimostrato di poter sopravvivere nello Spazio, fuori dall'ambiente protetto della Iss.

Alcune alghe artiche della specie Sphaerocystis, riportate a Terra lo scorso giugno, hanno resistito per 530 giorni su di un pannello montato all'esterno della stazione spaziale, dove hanno sopportato il vuoto, temperature comprese tra i -20 °C notturni e i 47.2 °C diurni, e un livello di radiazioni che ucciderebbe ogni organismo terrestre, se non fosse per il filtro dell'atmosfera.

Nuovo record. Molte piante riescono a crescere nella ISS, ma queste sono le prime a resistere all'esterno, e per un periodo così prolungato. L'esperimento è stato condotto e descritto da Thomas Leya, ricercatore del Fraunhofer Institute for Cell Therapy and Immunology di Potsdam, in Germania.

Vita dura. Le alghe, dal nome in codice di CCCryo 101-99, crescono nelle isole Svalbard, in Norvegia. Quando le condizioni di vita si fanno proibitive, sviluppano spesse pareti protettive di colore arancione (per la presenza di carotenoidi); al ritorno delle piogge stagionali, ricominciano a produrre clorofilla e tornano verdi.

Una spinta iniziale. Questa stessa strategia le ha conservate nello Spazio. Per forzare l'esperimento Leya ha ridotto al minimo le loro riserve d'acqua, obbligandole così a entrare in una specie di letargo; quindi sono state sistemate dagli astronauti su un pannello all'esterno della Iss, con un filtro per ridurre in parte le radiazioni. Tutti i campioni, tranne uno, sono sopravvissuti. Al ritorno sulla Terra, nel giro di due settimane, le alghe sono tornate verdi.

Il cibo del futuro. L'esperimento dimostra che alcuni vegetali terrestri possono sopportare le proibitive condizioni dello Spazio: una buona notizia per i futuri coloni spaziali, che dovranno però riuscire a proteggere le piante dalle radiazioni e a coltivarle anche fuori dal "letargo". Ulteriori esperimenti accerteranno se il soggiorno fuori bordo abbia apportato danni o modifiche al DNA delle alghe.

13 febbraio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us