Scienze

Pericolo Vesuvio

Un'eruzione sarebbe catastrofica.

Uno studio condotto da Giuseppe Mastrolorenzo, vulcanologo dell'Osservatorio Vesuviano, ipotizza una nuova teoria sulla morte degli abitanti di Pompei e delle altre città distrutte dall'eruzione del vulcano in epoca romana.

“Gli abitanti di Pompei morirono per le alte temperature e non per asfissia”

Solo cenere e lapilli? - Tutti sappiamo che l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. fu devastante e distrusse completamente le città di Pompei, Ercolano e Stabia. E se visitate uno di questi siti archeologici, la guida vi dirà che gli abitanti non furono in grado di scappare e morirono sotto una pioggia di cenere e lapilli. Una nuova teoria, però, racconta che i pompeiani non morirono per asfissia, ma a causa delle alte temperature generate dalla nube piroclasica.

Temperature infernali - Per dimostrare la sua teoria, Giuseppe Mastrolorenzo e il suo team, hanno esposto ossa umane e di animali a temperature altissime che vanno dai 100 agli 800 gradi Farenheit. Si è così scoperto che, in base alla colorazione delle ossa usate per l'esperimento, i corpi rinvenuti a Pompei - che dista circa 10 km dal Vesuvio - sono stati esposti a una temperatura tra i 250 e i 300 gradi Fahrenheit, mentre quelli dei villaggi più vicini al vulcano a temperature ancora più elevate dell'ordine dei 450 e i 500 gradi Fahrenheit.

Ancora più pericoloso - I ricercatori hanno successivamente usato le informazioni raccolte per simulare al computer i vari livelli di temperatura generati dalle colonne di cenere incandescente che l'eruzione del 79 d.C. portò a valle. Rilancia lo studio partenopeo il sito web Discovery News che commenta i risultati della ricerca: se l'area esposta alle alte temperature fosse più ampia di quanto si fosse pensato in precedenza e se un'eruzione si ripetesse con le stesse modalità, metterebbe potenzialmente a rischio più di 3 milioni di persone.

Le tecno invenzioni che cambieranno il mondo

16 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us