Scienze

Siamo più bravi a fischiare che a cantare. Ecco perché

Nell'uomo, i muscoli della laringe sono meno sviluppati di quelli articolatori, perché si sono evoluti in tempi recenti. I nostri antenati dovevano essere abili fischiatori, come le scimmie.

Alcuni esseri umani sono dotati di una voce sublime, ma bisogna ammettere che, in generale, il canto non è proprio il nostro forte: rispetto ad altri animali, raggiungiamo performance mediocri. Ora sappiamo perché: in base a uno studio pubblicato su Royal Society Open Science, i muscoli della laringe umana sono meno sviluppati di quelli articolatori, perché evolutivamente più giovani.

L'Homo sapiens? Stonato. Salvo alcune fortunate eccezioni, la nostra specie non pare naturalmente portata per il canto. Anche se forse lo facciamo meno, ci riesce meglio fischiare. Questo, ipotizzano i ricercatori, perché i muscoli che controllano la lingua e le labbra sono più allenati di quelli che regolano la laringe, il tratto anteriore della trachea, deputato all'emissione di suoni.

Gli scienziati del Bloorview Research Institute (Canada), e dell'Università di Maastricht (Olanda) si sono chiesti perché anche i cantanti lirici professionisti facciano fatica ad eguagliare la precisione tonale dei più elementari strumenti musicali. Hanno reclutato 34 volontari (alcuni dei quali si autodefinivano intonati, altri meno) che hanno invitato a canticchiare le melodie generate da un computer e a intonare la scala completa delle note che riuscivano a emettere, dalla più grave alla più acuta. Quindi, hanno chiesto a ciascuno di ripetere l'esperimento, questa volta fischiando.

che cosa ci riesce meglio. Un software ha analizzato la precisione dei suoni emessi, decretando che le note fischiate erano di fatto molto più intonate e precise di quelle cantate (benché le persone più intonate lo fossero anche quando fischiavano). Le note cantate sono parse anche più incerte e sbilanciate verso la naturale intonazione della voce di ciascuno.

In conclusione, i muscoli della laringe sembrano soggetti a un controllo muscolare meno preciso, forse perché si sono sviluppati in tempi più recenti rispetto a quelli orali. La capacità di governarli in modo intenzionale si deve forse alla necessità di modulare l'intonazione della voce, ma possiamo ipotizzare che i nostri antenati fossero più probabilmente fischiatori, come le scimmie.

21 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us