Scienze

Perché se faccio un salto su un autobus ricado allo stesso posto?

Consideriamo un autobus che si muove in maniera ideale: con velocità costante, su una traiettoria rettilinea e senza alcun sobbalzo. Immaginiamo che su di esso uno sperimentatore lanci una...

Consideriamo un autobus che si muove in maniera ideale: con velocità costante, su una traiettoria rettilinea e senza alcun sobbalzo. Immaginiamo che su di esso uno sperimentatore lanci una pallina verticalmente. Questa ricadrà nello stesso posto da cui è stata lanciata. Supponiamo che lo stesso sperimentatore lanci un aereo di carta. Questo, rispetto a un osservatore sull’autobus, si comporterà esattamente come si sarebbe comportato se l’autobus fosse stato fermo. Consideriamo un esperimento un po’ più complesso: una reazione chimica. Questa avverrà sull’autobus esattamente come sarebbe avvenuta sulla terraferma. In definitiva qualunque esperimento o esperienza avviene sul nostro “laboratorio” mobile come avverrebbe se il “laboratorio” fosse fermo. Ma c’è di più. Immaginiamo che i vetri del nostro autobus (ideale perché senza sobbalzi) siano oscurati e che quindi non ci sia la possibilità di guardare all’esterno. In questa situazione un viaggiatore, stando all’interno dell’autobus, non potrebbe in alcun modo stabilire se l’autobus è fermo oppure se si sta muovendo di moto rettilineo uniforme. Tutto ciò è l’immediata conseguenza di uno dei principi fondamentali della fisica: il principio di relatività. Esso stabilisce che se un “laboratorio” (sistema di riferimento inerziale) si muove di moto rettilineo uniforme rispetto a un altro, nessun esperimento darà risultati diversi nell’uno e nell’altro “laboratorio”.

26 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us