Scienze

Perché quando si viaggia in aereo sembra di muoversi lentamente?

Il motivo per cui, durante il volo, non si avvertono particolari accelerazioni, deriva dal principio di relatività galileiana secondo cui non esistono differenze fisiche avvertibili tra un corpo in quiete (perfettamente fermo) e un corpo che si muove, anche a elevate velocità, con moto rettilineo uniforme (cioè a velocità e direzione costanti). In altre parole, se durante un volo aereo venissero chiusi tutti i finestrini e si riuscisse a isolare la cabina dal rumore dei motori e dalle vibrazioni, non si avrebbe alcuna possibilità di capire se si è fermi o in movimento.
Eppur si muove. È anche vero che, quando si è in volo, guardando fuori dal finestrino, sembra di muoversi lentamente, ma in questo caso la spiegazione si basa su un'illusione ottica dovuta alla nostra visione prospettica. Gli oggetti più distanti sembrano più piccoli e, quindi, anche le distanze sembrano più piccole di quanto non siano veramente.
Poiché la velocità non è altro che il rapporto tra distanza e il tempo, se le lunghezze apparenti sono piccole anche le velocità apparenti degli oggetti distanti sono minori di quanto non siano in realtà. In altre parole: più un oggetto è distante, minore è la sua velocità apparente.

A tutta birra. Quest'effetto esiste in tutti i veicoli in movimento, anche su un treno, per esempio. In treno, però, guardando fuori dal finestrino è possibile vedere oggetti molto vicini (i tralicci della ferrovia per esempio) che ci danno una sensazione abbastanza verosimile di velocità. L'aereo, per contro, quando vola, si trova a migliaia di metri di distanza dal suolo e non ha perciò oggetti di riferimento ravvicinati. Gli unici oggetti che il nostro occhio può focalizzare sono molto distanti e questo induce l'illusione di muoversi lentamente perché la velocità relativa apparente di quegli oggetti rispetto a noi sembra piccola.

Il motivo per cui, durante il volo, non si avvertono particolari accelerazioni, deriva dal principio di relatività galileiana secondo cui non esistono differenze fisiche avvertibili tra un corpo in quiete (perfettamente fermo) e un corpo che si muove, anche a elevate velocità, con moto rettilineo uniforme (cioè a velocità e direzione costanti). In altre parole, se durante un volo aereo venissero chiusi tutti i finestrini e si riuscisse a isolare la cabina dal rumore dei motori e dalle vibrazioni, non si avrebbe alcuna possibilità di capire se si è fermi o in movimento.
Eppur si muove. È anche vero che, quando si è in volo, guardando fuori dal finestrino, sembra di muoversi lentamente, ma in questo caso la spiegazione si basa su un'illusione ottica dovuta alla nostra visione prospettica. Gli oggetti più distanti sembrano più piccoli e, quindi, anche le distanze sembrano più piccole di quanto non siano veramente.
Poiché la velocità non è altro che il rapporto tra distanza e il tempo, se le lunghezze apparenti sono piccole anche le velocità apparenti degli oggetti distanti sono minori di quanto non siano in realtà. In altre parole: più un oggetto è distante, minore è la sua velocità apparente.

A tutta birra. Quest'effetto esiste in tutti i veicoli in movimento, anche su un treno, per esempio. In treno, però, guardando fuori dal finestrino è possibile vedere oggetti molto vicini (i tralicci della ferrovia per esempio) che ci danno una sensazione abbastanza verosimile di velocità. L'aereo, per contro, quando vola, si trova a migliaia di metri di distanza dal suolo e non ha perciò oggetti di riferimento ravvicinati. Gli unici oggetti che il nostro occhio può focalizzare sono molto distanti e questo induce l'illusione di muoversi lentamente perché la velocità relativa apparente di quegli oggetti rispetto a noi sembra piccola.

6 luglio 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us