Scienze

Perché non siamo razzisti con i bambini piccoli?

Il nostro cervello è programmato per prendersi cura dei bambini fino a tre anni a prescindere da fattori che, quando sono adulti, possono essere motivo di discriminazione, come il colore della loro pelle.

Non siamo razzisti con i bambini piccoli perché il nostro cervello è programmato per prendersi cura di loro, a prescindere dal colore della pelle. È quanto risulta da una ricerca condotta dall’Università Bicocca di Milano e pubblicata su Neuropsychologia. Quando poi i bambini crescono, ovvero dopo i tre anni, il cervello si fa invece condizionare dal cosiddetto Other-race effect (Ore), ovvero il “principio regolatore” in base al quale vengono riconosciuti con più facilità i volti che appartengono al nostro gruppo etnico.

Amore parentale. Con i volti di infants (i bambini tra i sei mesi e i tre anni), però, questo meccanismo non avviene. Merito della loro conformazione fisica, del fatto cioè che abbiano una testa più grande rispetto al corpo, occhi grandi, naso e bocca piccoli e guance paffutelle. Lo studio ha dimostrato infatti che quando ci si imbatte in questo baby schema si registra una stimolazione della regione orbito-frontale del cervello, dov’è localizzato il “circuito del piacere”: è da qui che sorgono stimoli positivi come l’amore materno o parentale.

Protezione e sopravvivenza. Ha dichiarato Alice Mado Proverbio, autrice della ricerca insieme a Valeria De Gabriele del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca: «I dati dimostrano come il cervello umano sia programmato per prendersi cura dei piccoli di qualunque etnia; questa informazione “razziale” viene ignorata totalmente dal cervello se si tratta di bambini, mentre agisce sulla regolazione del comportamento (pregiudizio), se si tratta di adulti. Il piacere e la tenerezza che proviamo spontaneamente alla vista dei bambini piccoli (generalizzata ai cuccioli di altre specie) è frutto di un meccanismo cerebrale innato per assicurare protezione e sopravvivenza ai piccoli non-consanguinei, e anzi di qualunque gruppo etnico umano».

18 settembre 2018 Focus Domande e Risposte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us