Scienze

Perché non applicare la clonazione alle specie in via d’estinzione?

La possibilità esiste ma comporta notevoli problemi. Il primo sembrerebbe insuperabile: la clonazione annulla le differenze genetiche che esistono tra gli individui, e che sono fondamentali . Una...

La possibilità esiste ma comporta notevoli problemi. Il primo sembrerebbe insuperabile: la clonazione annulla le differenze genetiche che esistono tra gli individui, e che sono fondamentali . Una popolazione formata solo da cloni, ha una bassissima adattabilità alle variazioni ambientali. Dunque alla lunga rischierebbe di nuiovo di estinguersi. Se anche si facessero a un certo punto accoppiare in modo tradizionale i cloni, per avere individui diversi dai genitori, in ogni caso il rimescolamento genetico sarebbe limitato, e alla lunga si avrebbe l'espressione di quelle caratteristiche negative che rimangono, anche se nascoste, in ogni patrimonio genetico. Il secondo problema invece è di carattere tecnico: per clonare un animale, bisogna trovare una specie che sia compatibile, ovvero che sia in grado di partorire i cloni, e della quale siano disponibili molti individui. In pratica infatti, si estrarre da una cellula dell’animale da clonare il nucleo cellulare (che contiene tutte le informazioni genetiche), lo si introduce nella cellula-uovo dell’animale ospitante dopo aver tolto da quest’ultima il materiale genetico e infine lo si impianta nell'utero della madre surrogata. Il primo esempio riuscito di clonazione di un animale selvatico è quello del muflone sardo messo a punto da una equipe italiana nel corso del 2001, presso il Centro di recupero degli animali di Bonassai (Ss).

26 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us