Scienze

Perché le orecchie a sventola sono considerate brutte?

Almeno nel mondo occidentale sono considerate brutte. Ma perché? Ed è così in tutte le culture?

L’estetica occidentale si fonda sull’equilibrio e la simmetria; per questo le orecchie a sventola, specie se asimmetriche, sono ritenute antiestetiche. Non solo: la civiltà occidentale sembra svilupparsi secondo un processo di progressivo distacco dallo stato di natura. Tutto ciò che nell’aspetto di una persona può ricordare altre specie animali – come un padiglione auricolare molto grande o sporgente – è quindi considerato ridicolo o sgradevole.

Non a caso, in inglese, le orecchie a sventola si chiamano bat ears, orecchie da pipistrello, oppure Dumbo ears, in riferimento all’elefantino disneyano.

Ma non tutte le culture considerano tale condizione un inestetismo. In Giappone, per esempio, le orecchie a sventola sono indice di fortuna, successo e salute.

Misure. Nei maschi adulti, la lunghezza media dell’orecchio è di 63 mm, nelle donne di 59. L’orecchio è già pienamente sviluppato all’età di 10 anni, ma superata la soglia dei 60 anni il lobo si allunga e sembra crescere. Sono considerate “a sventola” le orecchie che si distaccano di 40° dalla linea del cranio, se viste dall’alto. Circa il 5% degli occidentali ha il padiglione sporgente, e almeno il 20% degli adulti non è soddisfatto dell’aspetto delle proprie orecchie. La prima operazione per ridurre tale inestetismo risale al 1881.

3 giugno 2016
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us