Speciale
Domande e Risposte
Scienze

Perché gli inuit non soffrono il freddo?

La resistenza degli inuit alle basse temperature dell'Artico dipende da adattamenti genetici che hanno cambiato il loro metabolismo e il loro aspetto.

Per noi che ci infiliamo il piumino appena la temperatura scende, la vita degli inuit, popolazione indigena delle coste artiche dell'America, distribuita dalla Groenlandia sino all'Alaska, famosa nel mondo per le case di ghiaccio, gli igloo, la vita sembra una sfida impossibile: pur coperti con lana e pellicce, sopravvivono a temperature rigidissime che in inverno calano di parecchio sotto lo zero. Ci riescono grazie ad adattamenti genetici che hanno cambiato il loro metabolismo e pure il loro aspetto (il naso alto e stretto aiuta a scaldare l'aria in ingresso, la bassa statura è ideale per disperdere meno calore), e che verosimilmente sono una diretta eredità da un gruppo di ominidi vissuti fra 70.000 e 40.000 anni fa, gli uomini di Denisova.

Il DNA dei DENIsova. Come i loro contemporanei Neanderthal, con cui però non erano "imparentati", pare che i Denisova fossero particolarmente adattati ai climi freddi e una ricerca dell'Università di Copenhagen ha scoperto che parte del loro genoma è finito dritto nel DNA degli attuali inuit: confrontando il genoma di inuit groenlandesi moderni con i resti dei denisoviani e dei Neanderthal sono emerse similitudini molto evidenti con i primi, specialmente per i due geni TBX15 e WARS2.

Focus 353
Per scoprire perché le popolazioni che vivono nell'Artico non soffrono il freddo, leggi l'articolo BRRR ... che caldo, di Elena Meli, su Focus 353 (marzo 2022) in edicola. © Focus

Si tratta di geni che permettono al corpo di generare molto calore bruciando grasso bruno, in pratica regalando a chi li possiede una stufa interna efficacissima per scaldarsi: queste varianti geniche sono praticamente assenti in popolazioni africane, poco diffuse in Europa e Asia, ma invece molto frequenti negli eschimesi e in nativi americani del Nord.

Geni antifreddo. Sarebbero appunto un regalo degli ominidi di Denisova, una specie umana scoperta solo nel 2008 che, non a caso, visse principalmente in Siberia: i loro antenati hanno condiviso i geni antifreddo con gli Homo sapiens che si erano spinti al Nord e le loro tracce sono rimaste fino a oggi, ancora presenti nel DNA degli inuit.

26 febbraio 2022 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us