Speciale
Domande e Risposte
Scienze

Perché il dolcificante non ci soddisfa come lo zucchero?

Zucchero e dolcificanti scatenano due diverse risposte neurali: solo una delle due sostanze invia segnali di gratificazione al cervello (indovinate quale!).

Ingannare il corpo è difficile: quando, ad esempio, cerchiamo di placare la voglia di zuccheri sostituendoli con i dolcificanti, lui se ne accorge e non si lascia beffare. Questo meccanismo è conosciuto da decenni, tuttavia fino a oggi non era chiaro in che modo in nostro organismo svelasse l'inganno: uno studio condotto da un team della Duke University (USA) e pubblicato su Nature Neuroscience ha indagato su che cosa succede nell'intestino a livello molecolare, scoprendo che esiste un particolare gruppo di cellule che scatena due diverse risposte neurali in base alla sostanza rilevata - zucchero o dolcificante.

Cellule in allerta. Studi precedenti avevano dimostrato che nell'intestino sono presenti cellule connesse direttamente ai neuroni (e dunque al cervello), simili a quelle che rilevano il gusto e l'olfatto. Queste cellule sensibili, chiamate neuropods (letteralmente neuropodi, cellule epiteliali sensoriali intestinali), trasmettono le informazioni al cervello pochi millisecondi dopo aver individuato la presenza dello zucchero. «Lo zucchero che ingeriamo stimola queste cellule dell'intestino che rilasciano glutammato (uno dei neurotrasmettitori più importanti del nostro sistema nervoso, NdR) e attivano il nervo vago», spiega Diego Bohórquez, uno degli autori degli studi precedenti e di quello nuovo.

Stimoli diversi. Partendo da queste conoscenze, i ricercatori della Duke University hanno indagato più a fondo la questione, cercando di capire in che modo i neuropodi riescono a distinguere tra zucchero e dolcificanti. Per farlo, hanno iniettato queste due sostanze direttamente nell'intestino di topi anestetizzati e ne hanno analizzato la risposta.

I risultati hanno evidenziato che i neuropodi individuano la presenza dello zucchero attraverso il trasportatore SGLT1, che li stimola a rilasciare glutammato che a sua volta attiva il nervo vago, responsabile di inviare segnali di gratificazione al cervello (e per questo ci sentiamo appagati dopo aver assunto zucchero); al contrario, quando è il dolcificante a entrare in contatto con i neuropodi, le cellule rilasciano ATP (adenosina trifosfato), un neurotrasmettitore che attiva una zona differente della via intestino-cervello (e non ci lascia appagati).

Ingannare il cervello. In futuro, suggerisce Lisa Beutler, endocrinologa alla Northwestern University che non ha preso parte allo studio, queste conoscenze potrebbero essere utili per modificare il modo in cui ci alimentiamo: «Se si potesse, ad esempio, sviluppare un dolcificante privo di calorie che riesca a stimolare il trasportatore SGLT1, potremmo forse riuscire a ingannare la mente facendole credere di star ingerendo alimenti calorici», spiega l'esperta. Ma non sarebbe più semplice imparare a controllare le proprie voglie?

8 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us