Scienze

Perché con la nebbia non ci si vede?

La nebbia non fa vedere perché disperde i raggi luminosi. In condizioni normali, l’occhio percepisce l’immagine di un oggetto perché questo riflette una parte della luce che lo colpisce. La luce riflessa giunge all’occhio in modo da formare sulla retina un’immagine corrispondente punto per punto all’oggetto. La nebbia è una sospensione di finissime goccioline d’acqua che diffondono la luce, cioè la deviano in tutte le direzioni. Se le goccioline sono poche, come nel caso di foschia, si perde poca visibilità perché la deviazione della luce è minima.

Infrarossi e radar. Con nebbia densa, invece, un raggio luminoso subisce molte deviazioni e l’occhio non riesce a ricostruire efficacemente l’immagine. Non tutte le lunghezze d’onda però subiscono la stessa deviazione: i raggi infrarossi, con lunghezza d’onda tra uno e dieci micron, invisibili all’occhio umano, sono usati nei visori artificiali perché subiscono una diffusione molto minore. A lunghezze d’onda ancora maggiori funzionano i radar di navi e aerei non solo di notte, ma anche in presenza di forti banchi di nebbia e di nubi. Gli animali non hanno meccanismi di visione specifici per la nebbia, ma si orientano e si muovono meglio grazie agli altri sensi, più sviluppati che nell’uomo.

26 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant'anni fa, l'uscita di scena di Stalin chiudeva il trentennio più nero della Russia comunista. Dalla presa del potere al Grande Terrore, agli orrori della Seconda guerra mondiale, ritratto di un protagonista assoluto del Novecento. E ancora: dalle conchiglie alle carte di credito, la storia dei pagamenti; una giornata con gli scribi, gli artigiani e gli operai egizi nell'antico villaggio di Deir el-Medina; Nadežda Andreevna Durova, la nobildonna che, travestita da uomo, si arruolò negli Ulani per combattere contro Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Ci siamo evoluti per muoverci e camminare, non per stare in poltrona. Per questo la vita sedentaria è causa di piccoli e grandi mali, dal dolore cervicale a quello alla schiena. Come combatterli? E ancora: gli abitanti della Terra sono aumentati di un miliardo in soli 11 anni, ma per mantenerci dovremo cambiare abitudini e consumi; la storia, ricostruita dalle analisi della mummia, di una donna vissuta in Egitto quasi 2.000 anni fa. Parlare da soli capita a tutti: si tratta di un fenomeno normale dovuto alla struttura del cervello, che pensa a parole.

ABBONATI A 31,90€
Follow us