Scienze

Perché abbiamo mani con cinque dita?

Perché l'evoluzione ha favorito questo numero? Uno studio canadese prova a spiegare perché le nostre mani sono come sono, e chiarisce la loro parentela con le pinne dei pesci.

Perché l'uomo ha cinque dita, e non sei o sette? La domanda è tutt'altro che banale e collegata alla complessa evoluzione degli arti dei vertebrati. Un gruppo di scienziati canadesi ha risposto a una parte del dilemma in uno studio pubblicato su Nature.

È noto che l'evoluzione delle mani, e in particolare delle dita umane, è strettamente collegata a quella delle pinne dei pesci. Le nostre estremità avrebbero assunto l'aspetto attuale a causa della transizione da un ambiente acquatico all'habitat terrestre. Come questa trasformazione sia avvenuta, è un quesito sul quale ci si interroga dai tempi di Darwin.

Un passo in avanti. Ad agosto, alcuni ricercatori di Chicago hanno identificato gli interruttori biologici responsabili della formazione dei raggi delle pinne (ossia della loro "intelaiatura") e delle dita dei vertebrati: i geni hoxa13 e hoxd13. Ma quali processi hanno favorito la pentadattilia, dominante tra i vertebrati terrestri, se è vero che i primi animali che colonizzarono la terraferma - i tetrapodi - erano polidattili, cioè con più dita rispetto a noi?

Un diverso tipo di attività. Gli scienziati canadesi hanno scoperto che la transizione che ha portato alle cinque dita non è dovuta all'acquisizione di nuovi geni, ma alla diversa attivazione degli stessi geni: durante lo sviluppo embrionale dei topi (e dell'uomo) i geni connessi alla formazione delle dita codificano in due domini separati, mentre nei pesci le loro aree di competenza si sovrappongono.

Introducendo nei topi lo stesso tipo di regolazione che si vede nei pesci, i roditori sviluppano sette dita per zampa, in una sorta di ritorno alle condizioni ancestrali dei vertebrati.

7 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us