Scienze

Pelle d'oca, arriva un sensore per misurarla

Dalla Corea del Sud un nuovo polimero flessibile da attaccare alla pelle che individua e quantifica la comparsa dei brividi. Una nuova frontiera per la misurazione delle emozioni?

I brividi da pelle d'oca, una sensazione talmente personale da essere avvertita a pelle, saranno presto misurabili scientificamente. Un gruppo di ricerca coreano ha ideato un sensore capace di identificare e quantificare la durata di questa reazione a stimoli fisici (come il freddo) o emotivi (commozione, paura).

Pelle su pelle. I ricercatori del Korea Advanced Institute of Science and Technology (Corea del Sud) hanno ideato un polimero trasparente e conduttore di elettricità da attaccare sulla pelle: quando la pelle d'oca provoca irregolarità sulla superficie cutanea - un fenomeno noto come piloerezione, causato dall'erezione dei peli dell'epidermide - il "cerotto" si deforma e registra un calo di conduttività. È proprio questo calo a segnalare la comparsa dei brividi.

Il dispositivo di 2 centimetri per lato è stato testato sul braccio di un soggetto costretto ad afferrare - per amore di scienza - un cubetto di ghiaccio tra le mani. Ma la sua applicazione più utile sarà probabilmente registrare lo stato emotivo di volontari coinvolti in esperimenti scientifici, di fronte a canzoni, video e altri stimoli psicologici.

La cute non mente. «In futuro, le emozioni umane saranno trattate come qualunque altra informazione biometrica, come temperatura corporea o pressione sanguigna» spiega Young Ho-cho, tra gli autori dell'articolo pubblicato sulla rivista scientifica Applied Physics Letters. Il sensore potrebbe essere utilizzato anche dagli esperti del marketing o dall'industria dei videogame, per creare dispositivi che registrino in tempo reale le reazioni degli utenti a pubblicità online o all'ultimo video musicale ascoltato, e personalizzare i prodotti offerti di conseguenza.

1 luglio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us