Scienze

Orologi atomici e giacimenti minerari

[caption id="attachment_2024" align="alignleft" width="300" caption="un orologio atomico da laboratorio"][/caption]Cosa centra un orologio atomico con...

un orologio atomico da laboratorio

orologio atomico

Terra

giacimenti minerari

minerali

d’acqua

di precisione

geoide terrestre

Con il "ticchettio" si cercano minerali

Ma come di dovrebbe fare? Il principio è relativamente semplice. La precisione dell’orologio atomico è tale che piccole variazioni di massa sono in grado di influenzare il “ticchettio” dell’orologio. Spiega Ruxandra Bondarescu dell’Università di Zurigo: “Se si pone un orologio atomico a livello del mare e un secondo orologio in un qualunque posto della Terra su un continente che sono stati sincronizzati tra loro, il secondo viaggerà più o meno lentamente a secondo delle rocce che vi saranno sotto di esso. Per avere un’idea di quel che questo tipo di misura potrebbe rilevare va detto che si potrebbe mettere in luce una sfera di materiale diverso da ciò che sta sopra e attorno ad essa del diametro di 1,5 km sepolta a 2.000 metri di profondità, anche se ulteriori messe a punto del sistema potrebbero identificare sfere di materiale diverso a 30 chilometri di profondità se esse possiedono un raggio superiore ai 4 km. Insomma sarebbe così possibile identificare giacimenti petroliferi, riserve d’acqua e corpi di minerali sfruttabili dall’uomo senza ricorrere ad altri sistemi geofisici. Manca ancora quello portatile Perché non si fa subito? Il motivo è che gli orologi atomici al momento possono lavorare solo in laboratori (vedi foto d'apertura) a causa delle loro dimensioni e dell’ambiente protetto che essi necessitano. Ma le ricerche nel miniaturizzare tali orologi stanno correndo velocemente e in testa a questi lavori vi è senza dubbio il Centre Suisse d'Electronique et de Microtechnique CSEM. Entro il 2022 un orologio atomico portatile volerà nello spazio a bordo di un satellite dell’ESA e allora si potranno testare le promettenti ipotesi sullo studio dell’interno della Terra, che avranno importanti ricadute scientifiche e pratiche.

13 novembre 2012 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us