Scienze

Il batterio che digerisce pepite d'oro

Un microrganismo che sopravvive in ambienti a elevata concentrazione di metalli pesanti ha un ruolo fondamentale nel ciclo di trasformazione dell'oro.

L'oro, così come molti altri elementi terrestri, viene continuamente elaborato e trasformato in un ciclo di reazioni che lo vedono disciogliersi dai minerali a cui è legato, dissolversi nel suolo, nei sedimenti e nelle vie fluviali grazie agli agenti atmosferici, per poi concentrarsi in nuovi depositi.

In questi processi, i batteri giocano un ruolo fondamentale: alcuni sono dei veri esperti nella purificazione del metallo. Uno di questi è il Cupriavidus metallidurans, che riesce - sorprendentemente - a sopravvivere nei composti tossici che gli ioni di oro formano nel terreno. Non solo, riesce anche a ingerirli e a evacuare, come risultato, minuscole pepite di oro puro concentrato.

Stomaco di ferro. Il suo nobile processo escretore era noto dal 2009, ma ora è stato possibile studiare come il microrganismo riesca a non finire intossicato nel corso della digestione. Secondo i microbiologi della Martin Luther University Halle-Wittenberg (Germania), che lo hanno studiato da vicino, il batterio vive in terreni ricchi di idrogeno e metalli tossici, nei quali la competizione con altri microbi è ridotta al minimo. Per sopravvivere agli ioni di oro e a quelli di rame, altamente presenti nel suo habitat, mette in gioco una speciale coppia di enzimi.

Doppia protezione. Il primo, chiamato CupA, fa sì che gli ioni di rame non penetrino nelle sue cellule, dove sarebbero letali. Il secondo, il CopA, converte le due sostanze in forme meno facilmente assorbibili dalle cellule. I due lavorano in tandem: il CopA rende meno tossici i metalli, il CupA si sbarazza del rame. L'oro, invece, viene ridotto in nanoparticelle che si concentrano sulla superficie esterna del batterio.

Di nuovo disponibile. Il processo favorirebbe la concentrazione di oro in forma di pepite, senza apparenti danni per il microscopico organismo. La scoperta potrebbe in futuro servire a separare il prezioso metallo da minerali che ne contengono soltanto piccole quantità.

6 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us