Scienze

Trapianti: organi stampati in 3D potrebbero essere la nuova frontiera

Una donna ha ricevuto con successo il trapianto di un padiglione auricolare biologico stampato in 3D: una tecnologia che potrebbe aprire la strada a una nuova era della medicina.

Il futuro dei trapianti potrebbe essere legato a una tecnologia molto simile alla stampa 3D: un team di medici, in collaborazione con un'azienda specializzata in medicina rigenerativa, ha infatti recentemente effettuato con successo l'innesto di un padiglione auricolare realizzato con questa tecnica su una paziente affetta da microtia.

La microtia è una malformazione congenita dell'orecchio esterno che comporta la parziale o totale mancanza di uno o due padiglioni auricolari. Viene solitamente trattata con l'impianto di un padiglione auricolare realizzato in materiale sintetico o in tessuto biologico prelevato dalla gabbia toracica del paziente. Ma oggi c'è una nuova frontiera.

Bio-inchiostro. La nuova tecnica prevede il prelievo di cellule dal tessuto dell'orecchio del paziente e la loro moltiplicazione in un normale ambiente di coltura. Il materiale così ottenuto viene utilizzato come la resina in una stampante 3D, che realizza il padiglione auricolare sulla base di un normale progetto tridimensionale.

Il padiglione viene quindi innestato sul paziente: una volta attecchito l'impianto rigenera la cartilagine come in normale tessuto ed è quindi destinato a durare tutta la vita, riducendo inoltre il rischio di crisi di rigetto.

La tecnologia è brevettata dalla 3DBio, che ha diffuso ben pochi dettagli sia sull'intervento che sui trial clinici effettuati fino a oggi.

Fabbrica di organi. Lo studio a corredo dovrebbe essere pubblicato a breve ed essere sottoposto a peer review (il processo di verifica di uno studio prima della pubblicazione: è effettuato da altri scienziati ed esperti che ne confermano la bontà).

L'azienda conta di sviluppare ulteriormente il proprio prodotto e, nel giro di qualche anno, di essere in grado di stampare per i trapianti dischi intervertebrali, nasi, menischi, cuffie dei rotatori e tessuto del seno. E non esclude, nel lungo periodo, di poter realizzare interi organi come fegato, reni o pancreas in grado di salvare la vita alle persone. 

5 febbraio 2023 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us