Scienze

Operazione “Top Kill” per bloccare la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico

Cemento per l'eco-disastro Usa.

“O la va o la spacca”: l’operazione per tentare di tappare la bocca della piattaforma che dal 20 aprile vomita petrolio nel Golfo del Messico è rischiosa. Potrebbe chiudere il rubinetto oppure aprirlo ulteriormente. Incrociamo le dita.

“22 tonnellate di cemento per chiudere il pozzo”

Ultima spiaggia – Se fino a ieri i tentativi per fermare la fuoriuscita di petrolio dalla piattaforma petrolifera Deep Water Horizon che minaccia le coste della le coste di Louisiana, Alabama, Mississippi e Florida, si sono concentrati su contenimento e sulla dispersione del petrolio con solventi chimici e speciali robot, adesso l’obiettivo è tappare il pozzo. L’operazione “Top Kill”, ammette Tony Hayward, amministratore delegato di British Petrol (multinazionale britannica che gestiva le trivellazioni), è rischiosa: “abbiamo circa il 60-70 per cento di probabilità di farcela, anche perché è la prima volta che si tenta di chiudere un pozzo a 1.500 metri di profondità.

Tappo in cemento – L’operazione “Top Kill”, se tutto andrà secondo i piani, dovrebbe tappare il pozzo che ogni giorno riversa in mare 800.000 litri di petrolio. L’obiettivo è “iniettare” nella sua “bocca” un getto di oltre 22 tonnellate di cemento ad alta pressione tale da riuscire a sopportare la pressione degli idrocarburi sottostanti senza saltar via il tappo come se fosse una bottiglia di champagne ben agitata.

E se fosse successo in Adriatico? – Il sito Vela Blog Mistro ha provato a calcolare, molto a spanne, l’area se il disastro fosse accaduto nel nostro Adriatico. Un’estensione di 2500 miglia quadrate fanno un quadrato di 50 miglia di lato e occuperebbe un’area compresa tra Punta della Maestra e Fasana.

Ecco un video che mostra come funziona in pratica l’operazione Top Kill

Guarda la storia dell'eco-disastro Usa

26 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us