Scienze

Omicidio in differita

La storia della violenza inizia 14500 anni fa: quando un colpo mortale interruppe la vita di un nostro antenato...

Omicidio in differita
La storia della violenza inizia 14500 anni fa: quando un colpo mortale interruppe la vita di un nostro antenato...

La violenza e lo stato di guerra (anche in luoghi insospettabili, come gli stadi) è storia d'oggi. Ma quand'è iniziata questa scia di violenza? Nella foto, l'arbitro Anders Frisk colpito da un oggetto non identificato allo stadio Olimpico, durante un incontro di Coppa dei Campioni.
La violenza e lo stato di guerra (anche in luoghi insospettabili, come gli stadi) è storia d'oggi. Ma quand'è iniziata questa scia di violenza? Nella foto, l'arbitro Anders Frisk colpito da un oggetto non identificato allo stadio Olimpico, durante un incontro di Coppa dei Campioni.

Riuscire a datare le origini della guerra, come strumento di soluzione dei conflitti sociali, da un mucchio di ossa potrebbe essere azzardato anche secondo gli stessi archeologi: nonostante ciò, le recenti scoperte si impongono in modo piuttosto autorevole.
Sul Journal of Human Evolution, alcuni studiosi hanno annunciato il ritrovamento della traccia evidente di un "proiettile" di pietra, conficcato nella vertebra toracica di un adulto: il frutto di un colpo mortale che potrebbe dimostrare come le tensioni sociali siano nate molto presto, subito dopo che le popolazioni sono diventate sedentarie.
Chi dichiarò la prima guerra? Antropologi e archeologi hanno a lungo ipotizzato che l'uomo, dopo essersi insediato stabilmente e aver cominciato a coltivare la terra per raccoglierne i frutti, abbandonando la vita nomade del cacciatore, abbia avuto problemi di convivenza e conflitti sociali.
Conferme concrete a questa ipotesi sono venute solo ora, dopo l'ennesima analisi su uno scheletro rinvenuto nel 1931 presso lo scavo di Kebara sul monte Carmel (Israele) e conservato al museo Peabody di Harvard (U.S.A.). Apparteneva ad un membro della popolazione mesolitica dei Natufiani, che si era insediata nelle zone dell'odierno Israele 14.500 anni fa, ed era stato seppellito assieme ad altri diciassette, due dei quali presentavano, a loro volta, segni di ferite e fratture del cranio. È stato un colpo mortale, secondo gli esperti, quello che ha trafitto prima il polmone sinistro, poi cuore e aorta della vittima che non ha avuto scampo (per vedere il segno evidente della ferita sullo scheletro, clicca qui).
Gli esperti però frenano facili deduzioni: il ferimento, per esempio, potrebbe essere stato frutto di una lite nata tra le quattro mura di casa.

(Notizia aggiornata al 17 settembre 2004)

17 settembre 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us