Scienze

Olfatto: perché un profumo troppo forte è nauseabondo?

Uno studio svela una nuova caratteristica del nostro olfatto: quando un profumo è troppo concentrato, i neuroni olfattivi smettono di percepirlo e iniziano a sentirne altri.

Abbiamo aggiunto un nuovo tassello alla conoscenza del nostro complesso sistema olfattivo che coinvolge centinaia di recettori diversi che lavorano in contemporanea. Fino ad ora si pensava che il numero di neuroni sensoriali olfattivi coinvolti aumentasse con il crescere della concentrazione di un odore; ora, invece, un team di ricercatori della UC Santa Barbara (USA) ha scoperto che, al di sopra di una certa soglia, i neuroni si silenziano e smettono di percepire l'odore. «È una caratteristica, non un errore del sistema», specifica Matthieu Louis, uno degli autori dello studio pubblicato su Science Advances.

Il troppo stroppia. Pensiamo al gelsomino: normalmente usato come profumatore per il suo aroma delicato e floreale, quando ne annusiamo l'olio essenziale concentrato l'odore diventa nauseabondo e stucchevole. Questo accade perché l'aroma preponderante della pianta raggiunge livelli troppo alti che fanno "spegnere" i nostri neuroni olfattivi, che iniziano a percepire altre note di "profumo": si dà il caso che l'aroma del gelsomino contenga anche lo scatolo, una sostanza organica che sa di feci.

«Lo stesso odore può avere diverse strutture olfattive in base alla sua diversa concentrazione», spiega Louis. «Questo spiegherebbe come mai alcuni profumi vengono percepiti come molto distinti a concentrazioni basse, medie e alte».

L'esperimento. Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno analizzato il comportamento di alcune larve di moscerini della frutta, modificandole in modo da lasciare attivo solo un neurone sensoriale olfattivo e posizionandole a una certa distanza da una fonte di odore. Anche con un solo canale olfattivo attivato, le larve si muovevano verso l'odore, ma a un certo punto si fermavano; ripetendo l'esperimento con un neurone meno sensibile, le larve si avvicinavano di più alla fonte di odore prima di fermarsi.

Per capirne di più, gli studiosi hanno quindi misurato l'attività del neurone sensoriale dei moscerini, scoprendo che il segnale inviato al cervello aumentava con l'aumentare della concentrazione (e la vicinanza) dell'odore. Invece che rimanere fissa superata una certa soglia, però, l'attività crollava a zero: sopra una certa concentrazione, l'odore non veniva più percepito.

Un quadro più chiaro. Dopo la pandemia sono stati condotti numerosi studi sull'olfatto, un senso così importante e ancora in gran parte sconosciuto: i risultati di questa sperimentazione si aggiungono a diversi altri, e ci aiutano a comprendere meglio il funzionamento di questo sistema così complesso.

19 gennaio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us