Scienze

Olfatto: perché un profumo troppo forte è nauseabondo?

Uno studio svela una nuova caratteristica del nostro olfatto: quando un profumo è troppo concentrato, i neuroni olfattivi smettono di percepirlo e iniziano a sentirne altri.

Abbiamo aggiunto un nuovo tassello alla conoscenza del nostro complesso sistema olfattivo che coinvolge centinaia di recettori diversi che lavorano in contemporanea. Fino ad ora si pensava che il numero di neuroni sensoriali olfattivi coinvolti aumentasse con il crescere della concentrazione di un odore; ora, invece, un team di ricercatori della UC Santa Barbara (USA) ha scoperto che, al di sopra di una certa soglia, i neuroni si silenziano e smettono di percepire l'odore. «È una caratteristica, non un errore del sistema», specifica Matthieu Louis, uno degli autori dello studio pubblicato su Science Advances.

Il troppo stroppia. Pensiamo al gelsomino: normalmente usato come profumatore per il suo aroma delicato e floreale, quando ne annusiamo l'olio essenziale concentrato l'odore diventa nauseabondo e stucchevole. Questo accade perché l'aroma preponderante della pianta raggiunge livelli troppo alti che fanno "spegnere" i nostri neuroni olfattivi, che iniziano a percepire altre note di "profumo": si dà il caso che l'aroma del gelsomino contenga anche lo scatolo, una sostanza organica che sa di feci.

«Lo stesso odore può avere diverse strutture olfattive in base alla sua diversa concentrazione», spiega Louis. «Questo spiegherebbe come mai alcuni profumi vengono percepiti come molto distinti a concentrazioni basse, medie e alte».

L'esperimento. Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno analizzato il comportamento di alcune larve di moscerini della frutta, modificandole in modo da lasciare attivo solo un neurone sensoriale olfattivo e posizionandole a una certa distanza da una fonte di odore. Anche con un solo canale olfattivo attivato, le larve si muovevano verso l'odore, ma a un certo punto si fermavano; ripetendo l'esperimento con un neurone meno sensibile, le larve si avvicinavano di più alla fonte di odore prima di fermarsi.

Per capirne di più, gli studiosi hanno quindi misurato l'attività del neurone sensoriale dei moscerini, scoprendo che il segnale inviato al cervello aumentava con l'aumentare della concentrazione (e la vicinanza) dell'odore. Invece che rimanere fissa superata una certa soglia, però, l'attività crollava a zero: sopra una certa concentrazione, l'odore non veniva più percepito.

Un quadro più chiaro. Dopo la pandemia sono stati condotti numerosi studi sull'olfatto, un senso così importante e ancora in gran parte sconosciuto: i risultati di questa sperimentazione si aggiungono a diversi altri, e ci aiutano a comprendere meglio il funzionamento di questo sistema così complesso.

19 gennaio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us